Continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime in Siria in seguito alle 48 ore di bombardamenti sul Ghouta orientale: i morti sono almeno 250 (tra cui 57 bambini e adolescenti), mentre i feriti più di mille.

Arriva il monito dell’Onu: “E’ una situazione che va oltre l’immaginazione”. Intervenuto ai microfoni della Bbc, il coordinatore umanitario regionale delle Nazioni Unite, Panos Moumtzis, ha sottolineato che “i raid sui civili devono cessare immediatamente”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome