Una farsa, anche se da ridere c'è ben poco. In meno di 24 ore lo “storico accordo” tra Israele e l'Onu per ricollocare nei prossimi cinque anni 16.250 migranti nei paesi dell'Occidente, annunciato dal premier Netanyahu, è diventato lettera morta.

Lo stesso Israele ne ha annunciato la "sospensione", dopo che le diplomazie di alcuni paesi occidentali - Italia compresa - lo avevano smentito. "Si era trattato soltanto di esempi", aveva precisato la diplomazia israeliana in riferimento ad Italia e Germania come paesi che avrebbero accolto i migranti di origine africana tuttora nel paese.

Poi, però, la definitiva marcia indietro, con lo stop all'accordo - o presunto tale - con le Nazioni Unite. Un pasticcio in piena regola, che costerà, con tutta probabilità, il rimpatrio forzato per gli oltre 16mila rifugiati nel paese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome