Secondo una ricerca effettuata dalle università di York, Newcastle e Liverpool, la solitudine è una vera e propria malattia. Un soggetto privo di relazioni sociali infatti è a rischio di malattie cardiovascolari, rischio simile a quello degli ansiosi o a chi svolge un lavoro stressante.

Durante lo studio è stata scoperta un’associazione tra le scarse relazioni sociali e i problemi cardiovascolari. Dunque per ridurre il rischio di queste malattie è bene tener conto che solitudine e isolamento sociale non aiutano e che le interazioni sociali sono fondamentali per uno stile di vita sano da consigliare a tutti i pazienti.

Aumenta inoltre le malattie cardiovascolari e induce a una morte prematura. La solitudine fa male al cuore e fa vivere anche male emerge da un altro studio presentato a EuroHeartCare 2018, il congresso della Società europea di cardiologia. La ricerca ha coinvolto 13.463 pazienti danesi con cardiopatia ischemica, aritmia, insufficienza cardiaca o malattia della valvola cardiaca.

Sentirsi soli è stato associato a conseguenze negative in tutti i pazienti, indipendentemente dal tipo di malattia cardiaca.  La solitudine era legata a un rischio di mortalità raddoppiato nelle donne e al rischio quasi raddoppiato negli uomini. Sia gli uomini sia le donne che si sentivano soli avevano tre volte in più di probabilità di riportare sintomi di ansia e depressione e avevano una qualità della vita significativamente inferiore rispetto a quelli che non si sentivano soli.

"La solitudine è un forte segnale che può indicare la morte prematura, il peggioramento della salute mentale e una minore qualità della vita nei pazienti con malattie cardiovascolari. Viviamo in un'epoca in cui la solitudine è più presente e gli operatori sanitari dovrebbero tenerne conto nella valutazione del rischio", ha detto Anne Vinggaard Christensen, ricercatrice del Copenhagen University Hospital, che ha condotto lo studio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome