Era la mattina del 15 giugno 1918 quando i cannoni austro-ungarici lungo il Piave aprirono il fuoco contro il fronte italiano: cominciò la battaglia del Solstizio, una delle più violente del primo conflitto mondiale. Durò più di una settimana, la resistenza sul Piave, fiume sacro alla Patria, fu strenua e da allora la Grande Guerra prese una strada favorevole all'Italia.

"Il Piave mormorò: non passa lo straniero", scrisse il compositore Giovanni Ermete Gaeta dopo quel successo. Di quella battaglia fu protagonista e annotò ogni dettaglio il tenente di artiglieria Arnaldo Prato (nato nel 1893 e morto all'età di 94 anni), il cui diario, cent'anni dopo e nel centenario della Festa dell'Arma di Artiglieria, è stato pubblicato da Paolo Gaspari Editori ed è uscito in questi giorni. Diversamente da altre memorie di guerra, il diario di Prato abbraccia tutto il periodo che va dal 1914 al 1919.

Di famiglia piemontese trasferitasi a Roma, aveva deciso di lasciare gli studi universitari per arruolarsi, e la sua prima destinazione, quale ufficiale di artiglieria appena maggiorenne fu il fronte dell'Isonzo. Passando di reparto in reparto, Prato finì nella battaglia del Solstizio, cominciata ricorda - con un infernale bombardamento di migliaia di bocche di fuoco contro gli italiani, l'assalto violento della fanteria nemica, aspre lotte e il tentativo di aggiramento dell'intero sistema difensivo tricolore. La discesa su Vicenza, Treviso e Vicenza, tuttavia, fallì e il nemico non riuscì a passare.

"Il fuoco della mia batteria - racconta Prato nel diario - si era mantenuto vivissimo di giorno come di notte. Le bocche da fuoco erano arroventate al punto da perdere la vernice e mai si era visto un simile consumo di granate". Anche il Piave venne in soccorso della controffensiva italiana. "Un'improvvisa piena - ricorda Prato aveva travolto ponti e passerelle" e vennero a mancare al nemico, proprio nel momento cruciale, rinforzi e rifornimenti. "La sera del 24 - si legge nel diario - nessun austriaco era più al di qua del Piave, tranne numerosissimi morti e prigionieri. L'esercito imperiale aveva perduto ben 130mila uomini tra morti e feriti - di fronte ai nostri 85mila - 25mila prigionieri, 70 cannoni, 75 bombarde, 1.300 mitragliatrici, 150 lanciafiamme, 37 mila fucili e molte tonnellate di altro materiale. La battaglia del Solstizio, come l'aveva chiamata il poeta soldato D'Annunzio aveva cancellato la disfatta di Caporetto e segnato l'alba radiosa della vittoria finale nostra e degli alleati".

Insignito di importanti riconoscimenti militari e decorato con la prestigiosa croce di cavaliere dell'Ordine dell'aquila imperiale tedesca, Prato prese parte anche al secondo conflitto mondiale e fu destinato a far parte delle truppe operanti in Africa settentrionale, dove fu comandante del XXX raggruppamento artiglieria. Il 2 maggio 1943 fu catturato con i suoi uomini dagli inglesi a Capo Bone inviato in campi di prigionia, in Algeria e Marocco. Nel 1944, ancora prigioniero, fu trasferito negli Usa. Rientrò in Italia nel 1946, sbarcando nel porto di Napoli con la stessa uniforme grigio-verde, ormai logora, che indossava quando fu fatto prigioniero, avendo sempre rifiutato di indossare le uniformi di foggia americana messe a disposizione nel campo di prigionia. Concluse la carriera, dopo la guerra, con il grado di generale di corpo d'armata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome