Dazi Usa, l'Ue studia le contromosse

Qualora il presidente Usa Donald Trump insistesse nel voler dar seguito alla minaccia di imporre dazi sulle importazioni delle auto dal Vecchio Continente, l'Unione europea non resterà certo a guardare ma anzi, potrebbe anche rispondere con contromisure di eguale portata su esportazioni statunitensi per 294 miliardi di dollari di valore. In pratica l'equivalente del 19% di quanto esportato dagli States nel 2017. E' l'avvertimento dal sapore quasi di "rappresaglia" fatto giungere dalla Commissione europea a Washington attraverso una lettera.

LA MISSIVA INVIATA AGLI USA
"L'analisi economica conferma che l'aumento di dazi su questi prodotti sarebbe doloroso innanzitutto per l'economia statunitense" si legge nella missiva, nella quale si ricorda anche come le case automobilistiche europee contribuiscano in misura rilevante all'economia statunitense. "Nel 2017, le aziende Ue con sede negli Usa hanno prodotto quasi 2,9 milioni di automobili, il 26% della produzione totale statunitense", segnala la Commissione Ue. Le stesse aziende, a livello diretto e indiretto, supportano l'esistenza di 120 mila posti di lavoro negli Stati Uniti.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome