Pescatore, facchino, ma anche maestro o infermiere: sono alcuni dei 15 lavori che non allungano la vita e per i quali, secondo l’Inps, non scatta con il nuovo anno l’incremento della speranza di vita ai fini dell’accesso ai trattamenti pensionistici di vecchiaia e anticipata. In dettaglio si tratta dei lavoratori dipendenti che svolgono le attività gravose o addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti a condizione che siano in possesso di un’anzianità contributiva pari ad almeno 30 anni. E’ quanto stabilisce una circolare dell’Inps. Tuttavia non sono destinatari della disposizione coloro che accedono al beneficio di pensionamento anticipato per i lavoratori precoci e i soggetti che al momento del pensionamento sono titolari di indennità di Ape sociale.

I lavori considerati gravosi sono:

A) operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;

(B) conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;

(C) conciatori di pelli e di pellicce;

(D) conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;

(E) conduttori di mezzi pesanti e camion;

(F)personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;

(G) addetti all'assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;

(H) insegnanti della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido;

(I) facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati;

(L) personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;

(M) operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti;

(N) operai dell’agricoltura, della zootecnia e della pesca;

(O) pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative;

(P) lavoratori del settore siderurgico di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi nella normativa del decreto legislativo n. 67/2011;

(Q) marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini e in acque interne.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome