L’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado, insieme alla Fondazione Kolarac, ha organizzato un importante concerto che si è tenuto presso la Galleria della Fondazione. Ad esibirsi è stata la pianista italiana Alessandra Celletti, un'artista a tutto tondo. Diplomata al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, Alessandra Celletti ha suonato in Italia ma anche in Francia, Inghilterra, Germania, Portogallo, Danimarca e Spagna.

Nasce in ambito prettamente classico, ma le sue esperienze musicali e artistiche si moltiplicano con improvvise deviazioni in un ambito musicale e creativo molto personale. Nel 2006 ha pubblicato l’album “Chi mi darà le ali”, nel 2007 “The Golden Fly“ per l’etichetta Kha Records; nel 2008 l’album “Way Out” per l’etichetta inglese LTM Recordings nel quale le sonorità del pianoforte si fondono alla ritmica della batteria e alla voce. Nel 2009 per l’etichetta nord americana Transparency, ha composto e inciso l’album “Sustanza di cose sperata”. Nel 2011 ha pubblicato “Crazy Girl Blue” e nello stesso anno, con l’artista surrealista tedesco Jaan Patterson, Celletti compone l’album-sonorizzazione che accompagna l’uscita dell’inedito di Georges Bataille “W.C.” per Transeuropa, la storica casa editrice fondata da Pier Vittorio Tondelli. Nell’estate del 2013 Alessandra Celletti ha portato il suo pianoforte in giro per l’Italia a bordo di un camion con l'interessante progetto “piano piano on the road”.

L’intero itinerario è diventato un documentario per la regia di Marco Carlucci prodotto da PrimaFilm, selezionato in concorso all’Edmonton International Film Festival in Canada e al Festival Zagreb Dox in Croazia. Il trailer ha vinto il “Premio Roma Videoclip – Il Cinema incontra la Musica” XXI edizione, mentre il documentario ha vinto il concorso "DOC Travel" dell'undicesima edizione del Festival del Viaggio di Firenze. Nel 2018 ha composto la colonna sonora del documentario “Nel nome di Antea” per l’Istituto Luce con la regia di Massimo Martella, dedicato alla storia delle opere d’arte durante la Seconda Guerra Mondiale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome