Foto Depositphotos

Era finito in carcere a causa di violenze commesse ai danni della madre e, nonostante fosse dietro le sbarre, aveva cominciato a stalkerare la sua ex compagna attraverso una serie interminabile di telefonate dal contenuto minatorio e offensivo.

È accaduto a Reggio Emilia e la vittima delle persecuzioni dell'ex fidanzato galeotto - in tutti i sensi - si è recata dai carabinieri per sporgere denuncia. Le accuse nei confronti dell'uomo, un 40enne, sono minaccia e atti persecutori.

Le telefonate sono iniziate nel mese di novembre 2017, dopo che l'uomo era finito in carcere. Continue e angoscianti, condite anche da minacce di morte, le chiamate hanno letteralmente esasperato la donna di 27 anni da cui l'uomo aveva avuto una figlia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome