Donald Trump (Depositphotos)

Non ci saranno più deroghe, anche per i paesi "amici" come l'Italia. Gli Stati Uniti non concederanno più esenzioni da dazi, gabelle e sovrattasse per chi importerà il petrolio dall'Iran.

La scadenza, ultima e inderogabile, è fissata per il prossimo 2 maggio. Come preannunciato in più circostanze, non ci saranno eccezioni: anche gli otto paesi che avevano goduto di un trattamento di favore dovranno adeguarsi.

Tra questi c'è l'Italia, che dovrà trovarsi un altro fornitore e se non lo farà incapperà in sanzioni. Un'altra gatta da pelare sul fronte internazionale per il governo Conte, già alle prese con la drammatica emergenza in Libia. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome