Hola, Me enteré de Uds por un artículo en el diario El País .Yo estoy en busca de la ciudadanía de mi Bisabuelo Juan Antonio Ferrari nacido el primero de setiembre de 1881 en Alessandria Italia. Estoy a sus órdenes. Agradezco información. Desde ya muchas gracias.

Gabriela Aratti

Gentile Gabriela,

l’origine del cognome Ferrari, sarebbe legata a quei soprannomi che anticamente si attribuivano a chi svolgeva dei mestieri, nel caso specifico a chi faceva il mestiere di fabbro, o a chi praticava la lavorazione e l'estrazione del ferro. Potrebbe anche avere un'origine longobarda, ed in questo caso però il cognome sarebbe di carattere militare e derivato dalle fare, che derivano dal tedesco fahren, ossia "viaggiare".

Ma oggi, senza dubbio, il cognome Ferrari è conosciuto nel mondo grazie al marchio del Cavallino Rampante. Vale la pena di specificare qualcosa a proposito della storia del nome: in latino il fabbro era chiamato faber ferrarius, e più in generale con questa espressione venivano indicati tutti coloro che erano impiegati nella fusione o nell'estrazione del ferro. Ferrari è il secondo cognome per diffusione in Italia: è frequente soprattutto nel Nord e nel Lazio mentre risulta il più diffuso in assoluto in Emilia-Romagna e nelle città di Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Modena, Parma, Reggio Emilia, Rovigo e Verona. Sono oltre 26.300 le famiglie italiane che portano questo cognome. Nella provincia di Alessandria, da cui viene il suo bisnonno, ve ne sono 540.

Fra le famiglie storiche bisogna ricordare i Ferrari di Finale che furono ascritti al Libro d'oro della Repubblica di Genova, fra i discendenti ricordiamo il marchese Raffaele, patrizio genovese, Duca di Galliera, Principe di Lucedio, il quale, con regale munificenza e profondo amor patrio, diede somme, per quei tempi enormi, per l'ampliamento del porto di Genova; con l’accettazione della sua vedova Maria Brignole Sale, del figlio Filippo ultimo di sua linea, volle destinare il suo patrimonio ad opere di carità, di cultura e di arte quindi aiutò ospedali, asili, ricoveri, abitazioni per poveri e per artigiani, pinacoteche, musei in Genova, in Liguria e in Francia rendendosi un grande benefattore della città.

Conosciutissimo, Enzo Anselmo Giuseppe Maria Ferrari noto come Enzo Ferrari (Modena, 20 febbraio 1898 – Modena, 14 agosto 1988) è stato un imprenditore, dirigente sportivo e pilota automobilistico italiano, fondatore della omonima casa automobilistica, la cui sezione sportiva, la Scuderia Ferrari, conquistò in Formula 1, con lui ancora in vita, 9 campionati del mondo piloti e 8 campionati del mondo costruttori. Tutto iniziò con la crisi economica nel 1933 che portò l'Alfa Romeo a ritirarsi fino al 1937; poco dopo Ferrari si ritirò e creò l'Auto Avio Costruzioni (AAC) con sede a Modena. A causa della guerra, per paura dei bombardamenti, nel 1943 Enzo Ferrari trasferì l'AAC nel suo nuovo stabilimento di Maranello.

Dopo la guerra Ferrari creò "La Scuderia Ferrari", la sezione sportiva della casa automobilistica Ferrari, esistente fin dal 1930 ma costituita in ragione sociale dal 1947, e che è attualmente la più nota squadra del mondo automobilistico sportivo. La prima gara disputata nel campionato mondiale fu il Gran Premio di Monaco, il 21 maggio del 1950, mentre la prima vittoria in F1 fu il Gran Premio di Gran Bretagna del 1951 con José Froilán González, sbaragliando lo squadrone Alfa Romeo e iniziando così l’epopea della Ferrari. Il grande Enzo Ferrari fu insignito di molti titoli, ma quello di cui più si vantava era quello di "ingegnere meccanico", datogli ad honorem nel 1960 dall'Università di Bologna.

Inoltre, nel 1988 gli fu conferita anche la laurea honoris causa in Fisica dall'Università di Modena e Reggio Emilia. E’ morto il 14 agosto 1988 all'età di novant'anni. Ma ora torniamo al suo bisnonno Giuseppe Antonio Ferrari, nato il 1° settembre 1881, per avere il suo documento di nascita è facile, lei può scrivere al Comune di Alessandria, Stato Civile statocivile@comune. alessandria.it chiedendo il documento integrale di nascita dove ci sono tutti i dati utili: questo è un documento utile per ottenere la cittadinanza. Nelle immagini, può vedere tre stemmi di altrettante famiglie che portano il cognome Ferrari.

Pier Felice degli Uberti,

Presidente Istituto Araldico Genealogico Italiano

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome