L'ambasciatore Mauro Battocchi

Nell'ambito del piano di internazionalizzazione delle università cilene si è svolta la prima edizione del Foro Academico Chile-Italia nelle sale della Universidad de Concepcion. L'obiettivo di questo incontro la volontà di incrementare la cooperazione tra le due nazioni in particolare nel settore scientifico. I partecipanti all'evento hanno sottolineato la necessità di incrementare il lavoro congiunto al fine di sfruttare il potenziale nelle aree di ricerca.

Diversi comunque i temi che sono stati toccati, da arte e patrimonio, alle scienze umanistiche, sociali poi ingegneria e altro ancora alla presenza di numerosi rappresentanti di atenei cileni e italiani. Universidad de Concepcion, Universidad de Chile e Pontificia Universidad Catolica sono stati gli atenei che hanno promosso e organizzato il Forum. Tra i partecipanti italiani da sottolineare la presenza di studiosi della Università di Roma e della Università di Bologna.

"Questo incontro - ha ribadito Andrea Rodriguez della UdeC - rafforza la collaborazione che si può stabilire tra i vari atenei e l'anno prossimo speriamo di poter organizzare un altro Forum, questa volta in Italia". Ai lavori ha preso parte anche Mauro Battocchi, ambasciatore italiano a Santiago. "La cooperazione tra le due nazioni - ha spiegato il diplomatico - ha assunto un ruolo importante negli ultimi anni, tutto ciò per la potenzialità delle aree di ricerca che possiedono le università del Cile".

In occasione dell'iniziativa si sono svolti anche eventi correlati, tra i quali va ricordato la consegna dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana al rettore della Universidad de Chile Ennio Vivaldi che ha voluto rimarcare il valore del riconoscimento ricevuto evidenziando anche la cooperazione delle università in particolare per quello che concerne la materia scientifica.

Foro Academico Chile-Italia già da questa edizione ha ottenuto una grande eco nel mondo scientifico universitario e della ricerca del Cile e ora si sta già pensando alla organizzazione della seconda edizione, nel 2020, questa volta in Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome