Ieri l'Europa ha esaurito le proprie scorte di pesce per il resto del 2019. Lo ricorda in una nota il Wwf, che ha identificato il 9 luglio come il "Fish Dependence Day", data che identifica simbolicamente la fine per l'Europa di pesce, molluschi e crostacei da approvvigionamento interno e l'inizio delle importazioni e della dipendenza dal pesce estero, fino a fine anno.

L'organizzazione coglie l'occasione per tornare a lanciare l'allarme sul 'drammatico stato in cui versano gli oceani e il Mediterraneo in cui ad oggi, l'88% degli stock ittici monitorati risulta sovrasfruttato".

Per incoraggiare i consumatori ad adottare comportamenti responsabili, il Wwf ha messo online il banco del pesce interattivo, strumento grazie al quale si può verificare la sostenibilità delle proprie scelte di acquisto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome