Tav, bocciata la mozione dei 5Stelle contro il prosieguo dell'opera: il Senato ha approvato, invece, tutte quelle a favore della Torino-Lione.

Nulla da fare per la mozione del M5S contro la Tav: l'assemblea di palazzo Madama ha bocciato la proposta grillina approvando, invece, tutte le mozioni favorevoli al prosieguo della Torino-Lione. In particolare, con 180 sì,  è passata la mozione del Pd. E con 181 voti a favore, ha incassato il via libera anche quella presentata da Emma Bonino.

OK ALLE MOZIONI DI FDI E FI
Ok, con 181 si, anche alle mozioni di FdI e Forza Italia (182 voti), entrambe favorevoli al completamento della linea ferroviaria ad alta velocità. Preclusa dal voto la mozione di LeU su Tav (contraria all'opera). I senatori non si sono quindi espressi su questo testo.

LA SODDISFAZIONE DEI "PRO TAV"
Da parte dei senatori del Pd e di Forza Italia un timido applauso ha accolto il voto favorevole alla mozioni dei rispettivi gruppi. Accolti praticamente dal silenzio i voti alle altre mozioni.

IL PD DURO IN AULA
"Questo governo non ha più la maggioranza, questa è la realtà" ha sbottato la senatrice dem Anna Rossomando, durante la discussione generale. "Il presidente Conte si rechi immediatamente al Quirinale dal Presidente Mattarella per riferire della situazione di crisi che si è creata" ha rimarcato il segrerario del Pd Nicola Zingaretti.

LA DENUNCIA DELL'INCIUCIO
In Aula, durante il dibattito, le opposizioni hanno denunciato la spaccatura tra pentastellati e leghisti. Il M5S, dal canto suo, ha platealmente accusato il Carroccio, alleato di governo, di "inciucio" con il Pd dopo il sì allʼopera.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome