(foto depositphotos)

Il tallone di Achille del Conte-bis si chiama Matteo Renzi. L’ex Presidente del Consiglio non si accontenta di essersi conquistato, sul campo della formazione del governo trasformista, la qualifica di "segretario-ombra" del Pd in attesa di tornare ad essere il segretario ufficiale ed incontrastato dello stesso partito. Considera questo percorso troppo lungo e troppo condizionato da una serie di correnti e di micro-gruppi interni con cui dovrebbe fare i conti e che potrebbero creare problemi e difficoltà superabili solo con grande fatica. Per cui appare deciso a scartare l’opzione della permanenza nel Pd per riconquistarlo dall’interno ed a puntare sulla opzione che prevede la nascita di gruppi parlamentari autonomi alla Camera ed al Senato alleati, ovviamente, con il partito guidato da Nicola Zingaretti ma proiettati a creare le condizioni per una nuova formazione politica separata a cui dare vita dopo la riforma in senso proporzionale del sistema elettorale.

A Renzi si può rimproverare di tutto, a partire dalla incredibile rapidità e spregiudicatezza delle sue svolte tattiche. Ma gli si deve riconoscere la capacità di perseguire con determinazione e senza ripensamenti di sorta le proprie scelte strategiche. Questa caratteristica l’ha messa in mostra in occasione della riforma istituzionale e del referendum fallito. Ed ora rispunta con la strategia diretta a sfruttare la riforma elettorale destinata a rendere applicabile il dissennato taglio dei parlamentari voluto dal M5S solo per esigenze di propaganda. In questa luce la formazione di gruppi parlamentari autonomi serve a Renzi per spostare sul terreno della riforma in senso proporzionale la battaglia con Zingaretti e la parte del Pd che rimarrà con il segretario attuale.

Il disegno dell’ex Premier è di sfruttare il feroce attaccamento dei grillini alle poltrone parlamentari per costringere Zingaretti ad accettare il ritorno al proporzionale senza ingaggiare uno scontro con i renziani che potrebbe portare alla crisi di governo. Con i gruppi parlamentari autonomi, con i quali Renzi conta di attrarre pezzi importanti di Forza Italia, e con la fine del maggioritario, diventa automatica la formazione di un partito autonomo da porre al centro e trasformare nell’ago della bilancia della scena politica italiana. Zingaretti ed i vari Prodi e Veltroni avranno mai la forza di contrastare il disegno renziano? Se la troveranno il governo dei trasformisti arriverà obbligatoriamente alla fine.

ARTURO DIACONALE

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome