Mertens (foto Depositphotos)

Come l’anno scorso, meglio dell’anno scorso. Jurgen Klopp, questa volta, si presenta al San Paolo da campione d’Europa ma non basta. Già, perché il suo Liverpool, quello di Mané, Firmino e Salah, viene messo al tappeto da un Napoli sontuoso.

La squadra di Ancelotti, la più europea delle italiane, debutta in Champions League con un secco 2-0 ai Reds e all’arena di Fuorigrotta, tutta tinta d’azzurro dopo le Universiadi, esplode la festa. Gara equilibrata con i portieri protagonisti: prima Adrian, che sostituisce l’infortunato Alisson, nega un gol fatto a Mertens, poi Meret rimedia a un erroraccio di Manolas.

All’80’ il match si sblocca: Callejon, con un pizzico d’esperienza, si procura il rigore che ‘Ciro’ Mertens trasforma. Nel finale arriva anche il raddoppio griffato Llorente, l’acquisto a costo zero accolto con scetticismo dai tifosi che sognavano Icardi. Tre punti che valgono oro in un girone, con Salisburgo e Genk, ampiamente alla portata dei partenopei.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome