(foto depositphotos)

VIOLENZA E DISAGI Questa la notte più violenta delle proteste indipendentiste: cassonetti in fiamme, barricate in strada e lancio di oggetti contro i cordoni di polizia, che cercavano di calmare i bollenti spiriti indipendentisti. Ben quarantasei i voli cancellati e bloccato il valico La Jonquera, che collega la penisola iberica alla Francia. Un paese letteralmente ko sotto i colpi dei manifestanti. Per oggi atteso un incremento dei rivoltosi, che si riuniranno a Barcellona da tutte le regioni della Spagna. A causa dei disordini chiusa anche la Sagrada Familia e rinviato "El Clásico", match tra Barcellona e Real Madrid "a data da destinarsi".

IL PREMIER SI CONSEGNA Intanto l'ex Presidente della Generalitat de Catalunya Carles Puigdemont, si è presentato volontariamente di fronte alle autorità del Belgio, in relazione a un terzo mandato di arresto europeo spiccato dalla Corte Suprema spagnola. E' stato poi rilasciato. "Resto a disposizione della giustizia", avrebbe dichiarato ai giornalisti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome