Un piccolo boom. Riguarda gli italiani che nel 2019 hanno visitato l'Argentina. Nei primi nove mesi dell'anno sono stati infatti 107.000, un numero che rappresenta il +6,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Crescono gli italiani che vanno alla scoperta delle bellezze dell'Argentina, paese fratello visti i tanti connazionali che lì sono emigrati e oggi, passate anche alcune generazioni, sono milioni gli italo-argentini.

Con questo salto in avanti nelle visite in Argentina, l'Italia si piazza all'undicesimo posto nella classifica per nazioni. Un crescita che le associazioni turistiche del Paese sudamericano hanno tutta l'intenzione di far aumentare. Così la Secretaria de Turismo de la Nacion, attraverso l'Instituto Nacional de Promocion Turistica (INPROTUR) ha partecipato alla 56ª edizione della fiera TTG Travel Experience che si è svolta in Italia, a Rimini. Si tratta dell'appuntamento turistico più importante, a livello di fiera, in programma sul territorio italiano.

Un appuntamento dove è possibile scambiare offerte internazionali, un punto di incontro fondamentale, così durante i tre giorni dell'evento i rappresentanti argentini si sono incontrati con i principali tour operator italiani al fine di presentare la vastissima offerta turistica che può proporre l'Argentina. E non si tratta soltanto della immancabile visita a Buenos Aires, c'è infatti un territorio vastissimo che presenta bellezze naturali, e non solo, di livello unico.

La delegazione argentina era guidata da Roberto Palais, segretario esecutivo di INPROTUR, ma si sono aggiunti anche il Console Generale argentino a Milano, l'addetta economica e rappresentante dell'Ufficio del Turismo dell'Ambasciata d'Argentina Roma, solo per nominarne alcuni. Senza dimenticare la presenza di Aerolineas Argentinas, la compagnia di bandiera, oltre a diverse province, ma anche imprese private, che hanno così voluto presentare in maniera completa quello che può offrire l'Argentina ai turisti italiani.

Sandra Echenique

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome