Ci si gira, si chiudono gli occhi, mano destra sulla spalla sinistra e via, si getta la monetina nella Fontana di Trevi. Chi non l'ha fatto vistando Roma? Una tradizione per il turista, non importa da che parte del mondo provenga. La certezza (o quasi) che con quel lancio, il ritorno nella capitale è assicurato. Per chi se lo fosse dimenticato o non ci avesse mai pensato, fu un archeologo tedesco, Wolfang Helbig a inventare quello che sarebbe diventato un gesto conosciuto in ogni angolo del globo. Soffriva Helbig nel lasciare la Città Eterna e per avere una possibilità in più di tornarci, creò quella che poi si è trasformata in tradizione, che all'epoca prevedeva anche di farlo con una moneta del passato e una coppa dell'acqua della Fontana, che doveva essere bevuta.

Impossibile oggi visto che l'acqua non è potabile. Ma per chi ancora non ha avuto l'opportunità di passare una vacanza a Roma, negli States non sono rimasti, come al solito, con le mani in mano. Riproduzioni della Fontana di Trevi non sono mancate a cominciare da quella di Las Vegas, la più celebre. Adesso però la Fontana di Trevi torna a farsi sentire, a West Windsor nel New Jersey, al Mercer County Italian-American Festival. L'idea l'hanno avuta John e John Jr. Scarpati, padre e figlio, che una riproduzione della Fontana di Roma l'avevano in giardino, così hanno pensato prima di ristrutturarla, poi di farla diventare l'attrazione principale della ventesima edizione del Festival.

Ed è, se così si può dire, perfettamente funzionante: c'è l'acqua (non è stato specificato se potabile oppure no) e c'è anche in questo modo la possibilità di tirare la monetina. La copia della Fontana è stata acquistata recentemente, opera dell'artista italo-americano John Bucci, scomparso lo scorso febbraio. Gli Scarpati, padre e figlio, se la sono fatta recapitare a casa propria, proveniva da Chicago, poi hanno passato l'estate a restaurarla, per riportarla al vecchio splendore. "È unica - ha detto Scarpati Sr. - nessuno ne ha un'altra simile e adesso appartiene a tutti noi".

Già perchè una volta terminato l'Italian-American Festival, la Fontana di Trevi verrà sistemata al parco dell'Heritage Building. 'Tre soldi nella fontana' film del 1954 è quello che maggiormente viene ricordato, negli USA, quando si parla del lancio delle monetine anche se 'La dolce vita' con il bagno di Anita Ekberg rappresenta non solo una delle scene più famose del cinema italiano, ma anche di quello mondiale. "Con la nostra Fontana - ha aggiunto ancora Scarpati - sarà possibile spostarsi a Roma pur rimanendo qui e gettando le monete si potrà esprimere il desiderio di andarci poi davvero un giorno nella Città Eterna".

Ogni anno, l'ultima settimana di settembre, rappresenta un momento particolare per Mercer County, contea del New Jersey, quasi 370.000 abitanti, la città più importante è Trenton, con una presenza italo-americana che tocca il 15,4% della popolazione. Questa volta anche qualche cosa in più visto le celebrazioni per il ventesimo compleanno del Festival, nato, bisogna ricordarlo, perchè si avvertiva l'allontanamento della cultura italiana, in una terra dove da un secolo abbondante, l'italianità ha sempre avuto un ruolo da protagonista. Sì di italo-americani, come confermano le percentuali, ce ne sono ancora tanti, ma i legami con le radici si facevano sempre più blandi. Così è stato John Scarpati Sr., presidente oggi della Festival Association, a raccogliere la sfida degli amici che gli chiedevano di fare qualcosa per arginare un trend che stava portando all'oblio della cultura tricolore.

"Di solito - ha raccontato il creatore della manifestazione - rispondo sempre alle sfide. E l'ho fatto anche stavolta. Non sapevo nulla su come si dovesse organizzare un festival. Così mi sono messo a viaggiare per gli USA fermandomi nelle grandi feste italo-americane. Ho raccolto appunti, creato un comitato e sono passati ancora due anni prima di inaugurare l'edizione del 2000. E adesso, trascorsi vent'anni da quel giorno, abbiamo organizzato il Festival più grande di sempre". Riconosciuto da CBS New York come uno dei più importanti festival dell'autunno nel New Jersey, l'appuntamento del 2019 porta alle migliaia di visitatori oltre alla particolarità della riproduzione della Fontana di Trevi, anche l'Italian Market, poi prodotti artigianali, gli immancabili tornei di bocce, appuntamenti culturali e musicali, lotterie, fino all'Italian Car Show denominato 'Bella Macchina' organizzato dalla sezione locale del Fiat Club America.

Roberto Zanni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome