(foto depositphotos)

Il coronavirus sta ribaltando tutto, dall'aviazione all'economia - e sta anche avendo un grande impatto sull'ambiente. Alcuni di questi sono positivi - un forte (anche se probabilmente temporaneo) calo delle emissioni di CO2. Le fabbriche piu’ importanti del mondo, quelle cinesi sono chiuse da settimane e l'economia schizza in basso a livello globale in una curva negativa impressionante. Altri aspetti sono negativi, come ad esempio montagne di rifiuti sanitari potenzialmente infetti come tessuti e vecchie maschere per il viso. Ma vediamo da vicino quali sono le conseguenze dell’ epidemia nel mondo e l’impatto sull’ambiente.

MIGLIORAMENTI DELLA QUALITÀ DELL'ARIA Sembra che il sogno di Greta, l’attivista svedese che ha conquistato il mondo, si stia avverando. Da quando l’epidemia ha invaso Cina ed Europa, il calo dell'inquinamento atmosferico è di dimensioni impressionanti. La NASA, ha riportato i primi segnali del calo di CO2 nella provincia cinese di Hubei, dove l'epidemia di coronavirus è iniziata a dicembre. Il governo cinese il 23 gennaio ha messo in blocco Wuhan e altre città per contenere il virus, portando a un arresto totale della produzione delle aziende in quella zona. "Questa è la prima volta che vedo un calo così drammatico su un'area così ampia per un evento specifico", racconta Fei Liu, un ricercatore della qualità dell'aria presso il centro di volo spaziale Goddard della NASA. A Madrid questa settimana, la direzione generale spagnola per il traffico ha registrato un calo del 14% nel traffico delle ore di punta, secondo quanto riferito da El País. Lo scorso anno la Commissione europea ha deferito la capitale spagnola in tribunale per non aver rispettato i limiti dell'UE sull'inquinamento atmosferico progettati per proteggere la salute delle persone. Un cambiamento impressionante. Marshall Burke, un ricercatore dell'Università di Stanford, ha calcolato che i miglioramenti della qualità dell'aria registrati in Cina potrebbero aver salvato la vita di 4.000 bambini di età inferiore a 5 anni e 73.000 di età superiore a 70 anni. Anche stime più prudenti por terebbero il numero di vite salvate a circa 20 volte il numero di decessi per virus direttamente. "Sembra chiaramente errato e insensato concludere che le pandemie fanno bene alla salute ... Ma il calcolo è forse un utile promemoria delle conseguenze sulla salute spesso nascoste dello status quo".

EMISSIONI DI GAS SERRA Il rallentamento dell'attività economica riduce anche le emissioni gas serra, anche se solo temporaneamente. Man mano che i paesi ordinano la chiusura di scuole, negozi e fabbriche, si prevede che le emissioni diminuiranno. L'ultima volta che le emissioni di carbonio sono diminuite è stata durante la crisi economica nel 2008-2009. Ma quando l'economia è cresciuta, anche la domanda di carbone e altri combustibili fossili è cresciuta, specialmente in Cina, il più grande emettitore del mondo. Uno studio specializzato, Carbon Brief, ha rilevato che in Cina le emissioni di anidride carbonica sono diminuite di circa del 25 percento. Un altro fattore che potrebbe frenare la crescita delle emissioni è la riduzione della domanda di petrolio. L'agenzia internazionale per l'energia ha dichiarato lunedì scorso che la domanda mondiale di petrolio dovrebbe diminuire quest'anno "poiché l'impatto del nuovo coronavirus si diffonde in tutto il mondo, limitando i viaggi e l'attività economica più ampia". La pandemia colpisce i mercati dell'energia in modo più ampio, ma i mercati petroliferi sono gravemente colpiti dal "duro colpo alla domanda di carburanti per il trasporto", in particolare in Cina, il maggiore consumatore mondiale di energia, ha affermato il direttore esecutivo dell'AIE Fatih Birol. "Mentre le ripercussioni del virus si stanno diffondendo in altre parti del mondo, ciò che accade in Cina avrà importanti implicazioni per i mercati globali dell'energia e del petrolio". L'Europa - dove le emissioni industriali sono state in gran parte stagnanti ma le emissioni dei trasporti sono aumentate negli ultimi anni - potrebbe anche subire un calo delle emissioni man mano che più governi ordinano blocchi. "Ovviamente ci saranno quasi sicuramente ulteriori impatti sulle emissioni", ha dichiarato Simon Evans di Carbon Brief. Tuttavia, ha affermato che una valutazione per l'Europa arriverà in un secondo momento poiché "la situazione è in rapido movimento e anche in Italia le restrizioni sono iniziate solo di recente". Ma man mano che sempre più persone scelgono di restare a casa, la domanda di intrattenimento domestico potrebbe aumentare, aumentando il consumo di energia. La piattaforma tedesca di interconnessione di Deutsche Commercial Internet Exchange, o De-Cix, ha registrato un record di throughput di dati: più di 9,1 terabit di dati al secondo sono stati trasmessi martedì sera, secondo De-Cix. "Mai prima d'ora sono stati scambiati così tanti dati nelle ore di punta in uno scambio su Internet", ha affermato la società con sede a Francoforte in un comunicato stampa. De-Cix ha aggiunto che l'aumento del traffico Internet può essere spiegato sia da più persone che trasmettono video, sia da un aumento delle ricerche di nuove informazioni sul coronavirus.

MONTAGNE DI RIFIUTI IN PIU’ Montagne di rifiuti che aumentano. La catena di caffè Starbucks ha deciso di non accettare più tazze riutilizzabili dai suoi clienti, servendo solo bevande in tazze monouso usa e getta che non sono ancora riciclabili nel tentativo di prevenire la diffusione del virus. Naturalmente questo fatto ha segnato un passo indietro nella riduzione della plastica. Ci sono stati anche informazioni errate che sconsigliavano di mangiare cibi preconfezionati. Ad esempio negli ambienti di lavoro - nonostante lo sforzo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per rassicurare le persone sul fatto che ad oggi non esiste "alcuna prova che il cibo sia una probabile fonte o via di trasmissione del virus. " Nel frattempo, la Cina sta annegando sotto i rifiuti medici prodotti dagli ospedali, tra cui maschere per il viso e tessuti monouso. Nella città di Wuhan, si dice che il volume dei rifiuti sanitari sia quadruplicato a oltre 200 tonnellate al giorno. Gli articoli medici monouso che sono stati in contatto con pazienti infetti devono essere bruciati per prevenire ulteriori contaminazioni che potrebbero verificarsi durante il riciclaggio.

PIÙ SPAZIO SULLA METROPOLITANA A Madrid il numero dei passeggeri è sceso del 35,8 percento mercoledì rispetto alla settimana precedente. Il governo belga ha consigliato alle persone di evitare i viaggi nelle ore di punta, anche se lo STIB di Bruxelles ha affermato che non ha ancora dati disponibili su nessun calo degli utenti. In Italia le metropolitane da ieri sono chiuse ma, la distanza di sicurezza e ‘rispettata. Un'impennata nel lavoro da casa può portare a cambiamenti nelle abitudini a lungo termine delle persone. Il GPL di Berlino non consentirà ai ciclisti di acquistare i biglietti a bordo dei suoi autobus nel tentativo di ridurre la diffusione di germi. I detergenti promessi dalla STIBdi Bruxelles presteranno particolare attenzione alle maniglie e ai pulsanti e Transport for London ha annunciato l'intenzione di implementare liquidi detergenti antivirali extra resistenti. Insomma trasporti piu’puliti per tutti.

EMISSIONI DI COMPAGNIE AEREE BLOCCATE Il traffico aereo subito un enorme arresto da quando il virus si è diffuso in Europa. Nonostante le precedenti proiezioni di crescita, 67 milioni di passeggeri in meno hanno volato nei primi tre mesi del 2020 rispetto all'anno precedente. I politici e l'industria stanno ancora cercando di capire quanto peggiorerà, ma le compagnie aeree stanno cancellando un numero crescente di voli mentre il virus continua a diffondersi e i paesi introducono restrizioni di viaggio. La lobby della compagnia aerea IATA prevede che l'industria globale potrebbe perdere fino a $ 113 miliardi quest'anno. Ciò comporta inevitabilmente un calo delle emissioni di carbonio, ma durerà solo finché il virus lo farà.

IL CLIMA NON È PIÙ LA CRISI Con il virus che attira l'attenzione di tutti, il problema del clima è stato ammucchiato dall'agenda. Lunedì, il Parlamento europeo ha deciso di rinunciare a un dibattito sulla nuova legge sul clima dell'UE dopo che la sessione plenaria è stata abbreviata per ridurre al minimo l'esposizione delle persone. Il presidente del Parlamento David Sassoli poi e’in quarantena per due settimane. "Le riunioni vengono annullate ma le decisioni importanti non devono essere ritardate", ha dichiarato Anton Lazarus dell'Ufficio europeo per l'ambiente. "Non si può permettere alla crisi della corona di rallentare le azioni per affrontare il clima e le crisi ecologiche". L'attivista climatica svedese Greta Thunberg ha sollecitato mercoledì i suoi follower tramite Instagram a spostare le proteste di venerdì per il futuro in corso nel cyberspazio. Proteste on line dunque. Quando si tratta di coronavirus, "Non possiamo risolvere una crisi senza trattarla come una crisi e dobbiamo unirci dietro esperti e scienza", ha scritto Greta. "Questo ovviamente vale per tutte le crisi."

MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome