La scrittrice Lella Di Marino

La pandemia è limitazione, costrizione, chiusura per certi versi, ma per chi ama la scrittura e chi si nutre di emozioni leggendo, può diventare anche un modo per esprimersi in maniera originale.

E’ così che nasce il concorso letterario ‘Lettere al tempo della Pandemia’, ideato dalla scrittrice Lella Di Marino e promosso con grande entusiasmo da parte dell’associazione culturale ‘Naturae’ di Palma Campania (Na). Originaria di Napoli, ma residente a Brescia da tempo, Di Marino è un’insegnante che ha fatto dello scrivere una vera e propria professione, autrice di diversi libri di successo che spaziano dalla poesia alla prosa, fino a giungere al magico mondo delle favole.

L’idea del concorso letterario nasce così: “Da qualche anno – racconta la stessa scrittrice – ho ideato il progetto ‘Educare a sognare’, che porto in giro per l’Italia. In questa lunga quarantena, ho per caso rispolverato due regali di qualche anno fa, dimenticati: della carta da lettera, con penna stilografica piumata, con in aggiunta tanto di ceralacca e sigillo. Ho pensato che sarebbe stato bellissimo scrivere delle lettere e imbucarle. Nasce così l’idea di questo concorso: Lettere al tempo della Pandemia. E, per motivi di sicurezza, è stata sostituita la modalità di spedizione: non più lettere cartacee, ma virtuali, inviate tramite mail”.

Rosa Ferrante, presidente dell’associazione culturale ‘Naturae’, aggiunge: “Scrivere ha un potere benefico: aiuta la concentrazione, lo sviluppo della memoria e a coordinare i processi cognitivi e, poiché la scrittura è una trasformazione di pensiero che ha sede negli abissi, in un forziere consegnato a Poseidon, inaccessibile, inviolabile, solo ‘Tu’ hai la chiave d’accesso, nessun altro. Ed è proprio in momenti di smarrimento collettivo come questo che entrano in gioco i ‘Pensieri scritti’, messaggi incoraggianti, rituali propiziatori, scaccia paura, piste di decollo… Tutti ai posti di combattimento, quindi, perché questo concorso vuole rappresentare un mondo per andare oltre questa fase così critica e complicata”.

 

Rosa Ferrante dell'associazione Naturae

Il concorso, alla sua prima edizione, ha come temi i sentimenti, le emozioni, le riflessioni, le angosce e le speranze, insomma tutto quello che scaturisce da questa fase di Pandemia. Ma, attenzione: ai partecipanti si chiede che il tutto venga narrato in forma epistolare, ad un destinatario reale o immaginario. Le lettere vanno inviate alla mail assonatiur@gmail.com, non dovranno superare le mille battute e dovranno essere accompagnate dai dati anagrafici degli autori. La partecipazione è aperta a tutti, le lettere pervenute possono essere scritte in lingua italiana, inglese e/o francese.

Il concorso è diviso in due sezioni: A) Giovani fino ai 18 anni; B) Adulti dai 19 anni in poi. Una giuria di qualità, presieduta dalla scrittrice Lella Di Marino, valuterà gli elaborati pervenuti. A far parte della giuria ci saranno: Rosa Ferrante (giornalista), Fabio D’Anna (avvocato e scrittore), Pierpaolo Ruello (esperto in eventi e comunicazione istituzionale), Anna Maria Orsini (giornalista e scrittrice), Pierluigi Panciroli (blogger), Francesca Drogo (insegnante), Modestino Annunziata (fotografo), Francesca Sgambato (artista), Adelina Mauro (insegnante), Rossella Maffeis (insegnante), Alice Lanza (studentessa), Anna Maria Vallario (creativa).

Saranno scelti tre vincitori per ogni categoria, con il Presidente di Giuria che si riserva di assegnare delle menzioni speciali. La partecipazione al concorso è gratuita. L’esito della valutazione della giuria sarà comunicato ai vincitori tramite posta elettronica e attraverso i canali dell’Associazione. Tutte le lettere dovranno pervenire entro le ore 18.00 del giorno 15 giugno 2020.

“La premiazione – fa sapere Ferrante, presidente dell’associazione ‘Naturae’ – avverrà virtualmente il giorno 31 luglio 2020 alle ore 20.30 tramite diretta Facebook. Le lettere vincitrici saranno premiate con opere di artisti italiani. Per ulteriori informazioni riguardo al concorso si consultare il regolamento, che è stato pubblicato sulle pagine Facebook e Instagram dell’associazione Naturae”.

Il logo dell'associazione Naturae

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome