Foto Deposithotos

I due colossi mondiali dell'aerospazio, l'americana Boeing e l'europea Airbus, stanno mettendo a punto, in collaborazione con accademici, ingegneri ed esperti medici, nuove misure per prevenire la trasmissione del coronavirus a bordo degli aerei. Lo rivelano al Wall Street Journal fonti coinvolte nelle sperimentazioni. Lo sforzo di comprendere meglio i rischi del trasporto aereo durante la pandemia arriva mentre le compagnie aeree cercano di rassicurare i passeggeri, garantendo che l'uso delle mascherine, i distanziamenti e il filtraggio dell'aria a bordo sono in grado di fornire una protezione affidabile contro il virus. Il traffico aereo globale è crollato, fin quasi ad annullarsi, dopo che i governi hanno chiuso i confini e hanno ordinato i lockdown. Boeing sostiene che sta sviluppando modelli di computer che simulano l'ambiente della cabina e potrebbero infine informare le decisioni di compagnie aeree, funzionari sanitari e autorità di regolamentazione su come prevenire la diffusione del virus. "Stiamo prendendo provvedimenti per comprendere meglio eventuali rischi", ha detto un portavoce. Inoltre la società Usa sta studiando nuove tecnologie per migliorare la sicurezza, incluso l'uso della luce ultravioletta come disinfettante e rivestimenti antimicrobici per le superfici toccate più di frequente. Gli ingegneri di Airbus stanno a loro volta esplorando altri metodi per ridurre la diffusione del virus, inclusi materiali autopulenti, un disinfettante la cui efficacia puo' durare per cinque giorni e dispositivi touchless nei bagni. La Federal Aviation Administration (Faa) Usa è stata in contatto con Boeing, Airbus e gli esperti dei centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per valutare i rischi del coronavirus a bordo e studiare le misure per mitigarli. Mentre si sa molto sui sistemi di ventilazione degli aerei e su come alcuni agenti patogeni possono diffondersi in volo, i ricercatori hanno detto che stanno ancora imparando come si comporta il nuovo coronavirus in vari contesti. "Al momento ci sono molte incognite", ha dichiarato John Scott Meschke al Wsj, un microbiologo che insegna alla scuola di sanità pubblica dell'Università di Washington e collabora con Boeing. Il problema sta diventando più urgente man mano che un numero maggiore di passeggeri riprende a salire a bordo degli aerei. Le compagnie aeree hanno affermato che le prenotazioni stanno iniziando a riprendersi dopo settimane di domanda quasi a zero, e stanno aggiungendo voli di ritorno dopo aver ridotto i loro orari fino al 90%. Venerdì scorso, prima del lungo weekend festivo del Memorial Day negli Stati Uniti, l'amministrazione per la sicurezza dei trasporti ha controllato quasi 349.000 persone, l'88% in meno rispetto ai livelli dell'anno precedente, ma il massimo dallo scorso marzo. Combattere il virus in volo è una sfida che è resa più difficile a causa dell'incompatibilità dei viaggi aerei commerciali con il distanziamento sociale, riferiscono alcuni esperti al Wsj. Il problema è serio, perché per le compagnie aeree i distanziamenti a bordo rappresentano un forte disincentivo economico, anche se è chiaro che il filtraggio dell'aria a bordo non può aiutare chi è seduto vicino a un passeggero infetto che tossisce. "La distanza sociale è impossibile in aereo", ha detto Qingyan Chen, professore di Ingegneria della Purdue University che ha recentemente discusso l'argomento con Boeing. Studi di precedenti epidemie, tra cui la Sars e l'influenza aviaria, suggeriscono che i passeggeri degli aerei che siedono vicino a persone infette sono a rischio più elevato. Gli esperti hanno affermato che i requisiti delle compagnie aeree secondo cui i passeggeri indossano le mascherine dovrebbero ridurre significativamente il rischio della diffusione del virus attraverso la vicinanza in aereo con chi starnutisce, tossisce, o più semplicemente parla con un vicino infetto. Le compagnie aeree statunitensi hanno iniziato a richiedere ai passeggeri di indossare le protezioni per il viso durante i voli e in varie altre occasioni, ad esempio durante il check-in, all'inizio di questo mese. Ma non esiste una regola a livello di settore e alcune compagnie aeree affermano di avere opzioni limitate se i passeggeri si rifiutano di mantenere le maschere. "Se tutti indossano una mascherina, allora c'è davvero poco rischio", ha dichiarato Linsey Marr, professore di ingegneria alla Virginia Tech, che Airbus ha recentemente contattato per informazioni sull'argomento. Tuttavia i voli più lunghi comportano un rischio maggiore di potenziale esposizione al virus, soprattutto se i passeggeri rimuovono le protezioni facciali durante il viaggio.

di ALESSANDRO GALIANI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome