Perdite ingenti e crisi profonda stanno scuotendo il mercato della prostituzione in Europa. Dall’inizio della pandemia, infatti, le prostitute hanno smesso di lavorare e i bordelli sono stati chiusi. Misure doverose e necessarie per tutelare la salute pubblica e non esporre operatrici e clienti a possibili contagi. Il settore intero è in profondo rallentamento, anche nella terza fase, quella di riapertura delle attività. Lentamente stanno riaprendo bordelli e case di appuntamenti anche se non uniformemente in Europa. Ma il dilemma per le operatrici del settore è grave: lavorare ed essere esposte al virus o restare senza occupazione? La pandemia ha messo a nudo il limbo legale in cui la maggior parte delle prostitute opera in Europa, con molte operatrici incapaci di accedere al sostegno statale. Durante il blocco, ciò significava restare senza nessun sostegno o infrangere le regole e continuare a lavorare - aggiungendo un ulteriore livello di rischio a quello che per molti è già un lavoro pericoloso. Lentamente i paesi stanno iniziando a riaprire tutti i settori.

Il Belgio è stato uno dei primi paesi membri a consentire ai bordelli di iniziare a lavorare, l'8 giugno. Anche se le saune e le sale massaggi devono rimanere chiuse fino al 1° luglio. Le temperature dei clienti vengono controllate all'arrivo ed entrambi i partner devono indossare una maschera. In Belgio, dove non esiste un quadro giuridico per proteggere le prostitute, ma la maggior parte delle autorità locali lo tollera, solo le persone registrate come lavoratori autonomi sono state in grado di ottenere un risarcimento per le perdite subite dalla cessata attività. Ciò significa che molte persone sono state costrette a tornare al lavoro, secondo l'UTOPOPI, che rappresenta le prostitute in Belgio, perché "non hanno avuto scelta" a causa della loro grave situazione finanziaria. Hot Marijke, una prostituta delle Fiandre, ha ottenuto il sostegno dello stato ma dice che lo perderà ora che i bordelli sono tornati aperti. "Fondamentalmente mi stanno costringendo a tornare al lavoro", ha detto al telefono. "È una follia, non puoi toccare i tuoi amici ma puoi arrampicarti sul letto con uno sconosciuto selvaggio".

"La pandemia è stata molto drammatica per tutti i gli operatori del settore - a causa della mancanza di status giuridico in molti paesi sono stati completamente esclusi dalle misure di emergenza", ha affermato Luca Stevenson, coordinatore del Comitato internazionale per i diritti dei lavoratori del sesso in Europa (ICRSE), che comprende oltre 100 organizzazioni. In Grecia, i bordelli hanno riaperto lunedì scorso, con le autorità che hanno pubblicato un lungo elenco di norme igieniche da osservare. Ma proprietari di bordelli e prostitute temono che la lunga lista di regole possano essere un deterrente per i clienti. Tra le altre la norma obbligatoria di conservare tutti i dettagli del contatto dei clienti in una busta sigillata per quattro settimane a fini tracciabilità di possibili contagiati. E ancora che i servizi non dovrebbero superare i 15 minuti per cliente; scordatevi poi orge e ammucchiate, un solo cliente alla volta. Alle lavoratrici del sesso è stato anche detto di "garantire la distanza", il che probabilmente si rivelerà piuttosto difficile ed evitare "contatti faccia a faccia".

La legge greca non consente alle lavoratrici del sesso di registrarsi come lavoratori autonomi e quindi di beneficiare del sostegno statale. Ciò significa, secondo Red Umbrella Athens, un'iniziativa a sostegno delle prostitute, che oltre 600 bordelli operano illegalmente in Grecia - con le autorità che chiudono un occhio - e centinaia di prostitute sono alla ricerca di clienti per le strade. Secondo i funzionari del ministero greco della protezione civile e dei comuni, stanno iniziando a registrare le centinaia di bordelli illegali, con l'obiettivo di renderli legali. E in Olanda come procede? Il paese che ha liberalizzato tutto o quasi curiosamente non ha riaperto ancora i suoi quartieri rossi. Ad Amsterdam il celeberrimo "quadrato" resta chiuso. Le brillanti luci che colorano il pezzo di strada, famoso nel mondo per i negozi che vendono "prestazioni", è spento da mesi. Nei Paesi Bassi, si chiede al governo di aprire il settore il prima possibile.

"Siamo completamente preparati e potremmo aprire domani", ha dichiarato Yvette Luhrs, portavoce del Centro informazioni sulla prostituzione che lavora anche nella pornografia. Tuttavia, secondo gli attuali piani del governo, le finestre di De Wallen, il principale quartiere a luci rosse di Amsterdam, rimarranno vuote fino al 1 settembre. "Le nostre norme igieniche erano già estremamente rigide e ora, tenendo conto dei protocolli di coronavirus, [sono] ancora più rigorose", ha detto Luhrs. Le linee guida "vanno ben oltre quelle del Belgio e della Grecia". Sebbene la prostituzione nei Paesi Bassi sia legale, molti lavoratori del sesso sono in un limbo. Come molti governi all'inizio della crisi, gli olandesi hanno istituito un fondo per le entrate di emergenza per coloro che sono rimasti senza lavoro. Ma in pratica, molte prostitute non possono beneficiare dei sussidi a causa del modo in cui sono state registrate presso le autorità fiscali prima dell'inizio della crisi. Luhrs ha affermato che senza la necessaria compensazione finanziaria, molte prostitute e le loro famiglie si sono trovate in situazioni terribili. "Abbiamo lavorato per settimane su un protocollo e abbiamo inviato lettere al governo chiedendo di essere trattate come altre professioni di contatto, come tatuatori e parrucchieri, ma finora L'Aia è rimasta silenziosa".

In un'indagine su oltre 100 prostitute nei Paesi Bassi condotta da Sekswerk Expertise, un gruppo di ricerca di Amsterdam, oltre la metà degli intervistati ha dichiarato di aver richiesto il supporto governativo. Di questi, solo il 13% ha dichiarato di aver ricevuto aiuto. Di coloro che non hanno presentato domanda, circa uno su tre ha dichiarato di sapere già che non si sarebbero qualificati e 1 su 6 ha dichiarato di essere non volere essere identificate come prostitute presso il governo, nel caso in cui tali informazioni venissero divulgate. Un nuovo fondo di emergenza è stato istituito da volontari, che offre un aiuto di circa € 40 ai richiedenti più disperati. I ricercatori di tutta Europa - tra cui Belgio, Paesi Bassi, Regno Unito e Francia - hanno scoperto che molte prostitute hanno continuato a lavorare durante il blocco per sbarcare il lunario, fatto che le ha esposte al rischio di possibile contagio.

"Alcuni sex worker incontrano uno o due clienti regolari ... che coprono i loro costi fissi", ha detto Luhrs. "Ma sentiamo anche persone che devono cercare nuovi clienti, il che è più pericoloso perché le persone con cattive intenzioni sanno che le prostitute non possono andare alla polizia se succede qualcosa, perché poi si finisce con un casellario giudiziario." Pierrette Pape, che dirige Isala, un'associazione che fornisce supporto alle prostitute, ha affermato che c'è stata una mancanza di "profonda riflessione" sul fatto che molte prostitute "sono straniere, vittime di tratta, sfruttamento o precarietà", aggiungendo che tra 80 e il 90 percento delle prostitute fa parte di una rete di trafficanti. "Nulla cambierà davvero se verrà messo in atto un altro blocco a causa di una seconda ondata di coronavirus, e queste persone dovranno ancora affrontare gli stessi grandi problemi sociali e finanziari", ha detto Pape. "Diamo loro un permesso di soggiorno, un permesso di lavoro e assistenza finanziaria per sopravvivere, e poi vedranno cosa decidono di fare - ma abbiamo bisogno di una visione a lungo termine".

Margareth Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome