Foto_giornale

Ai viaggiatori degli Stati Uniti e del Brasile potrebbe essere impedito di entrare nell'UE quando le frontiere esterne del blocco verranno riaperte, secondo i piani in discussione a Bruxelles. Diplomatici e rappresentanti governativi sono in pieno fermento la data fatidica del 1° luglio segna il momento in cui verranno revocate le restrizioni di viaggio ai suoi confini. Ma non si tornerà a nulla che sembri lontana- mente vicino alla normali- ta’. Molte rotte sono state cancellate da tempo e forse non verranno ripristinate. I diplomatici dell'UE stanno prendendo in considerazione piani che vedrebbero solo un numero limitato di paesi inseriti in un elenco sicuro per riavviare i voli con l'UE. Questa decisione minaccia tensioni con grandi superpotenze. Le discussioni e i tavoli di analisi sono cominciati già da ieri e gli ambasciatori dell'UE si incontreranno per discutere i criteri per con- sentire ai paesi di riavviare i viaggi in Europa. Natural- mente nessuna discriminazione, ma solo buonsenso. I dirigenti Ue vogliono proteggere i loro cittadini da possibili infezioni e contagi. Dunque il requisito di accesso potrebbe essere semplice: concedere l’ingresso solo a quei paesi che hanno un tasso di infezione inferiore a quello registrato nella media degli stati europei.

Allo stato attuale, ciò impedirebbe i viaggi da una serie di paesi, tra cui Stati Uniti, Brasile e Macedonia settentrionale, mentre sarebbe consentito viaggiare da e verso la Cina. Donald Trump ha suggerito agli Stati Uniti di rallentare i test, che per impostazione predefinita taglierebbe il numero di casi positivi nel suo paese. "Avendo più test, troviamo più casi", ha dichiarato nei giorni scorsi. Ma il principale esperto del governo di malattie infettive, l’italo americano Antony Fauci ha affermato lo stesso giorno che il presidente degli Stati Uniti non aveva ordinato un rallentamento dei test del coronavirus. La Commissione europea due settimane fa ha presentato un piano per riaprire le frontiere esterne del blocco, sottolineando che i paesi membri dell'UE "dovrebbero concordare un elenco comune di paesi non UE per i quali le restrizioni di viaggio possano essere revocate a parti- re dal 1 ° luglio, da rivedere una base regolare. "I diplomatici concordano sul fatto che uno dei criteri principali dovrebbe essere un tasso di incidenza vicino o inferiore a quello in tutta l'UE, che attualmente ammonta a una media di 16 casi per 100.000 abitanti. Tuttavia, un certo numero di capitali sta spingendo affinché vengano presi in considerazione anche altri dati. Ciò potrebbe includere i numero dei di test effettuati, il numero di pazienti in terapia intensiva o la preparazione dei paesi, ad esempio in termini di strutture ospedaliere, nonché l'affidabilità dei dati.

"Uno dei problemi è la reciprocità", avvertono da Bruxelles. Cioè dire, la reciprocità dovrebbe svolgere un ruolo nella decisione e, in tal caso, dovrebbe essere considerata più pertinente del tasso di incidenza.

C'è anche tensione sul Regno Unito, che ha ancora un tasso relativamente elevato se paragonato con gli altri paesi europei. Tuttavia, ai sensi dell'accordo di transizione sulla Brexit, Londra è ancora considerata parte dell'UE fino al 31 dicembre, il che significa che non sarà inclusa nell'elenco dei paesi terzi, ha affermato un secondo diplomatico.

A complicare il quadro è il fatto che non tutte le frontiere all'interno della zona Schengen di viaggio libero dell'UE sono ancora state riaperte. Se le frontiere interne non saranno completamente aperte prima del 1° luglio, ma le persone provenienti da paesi terzi saranno lasciate entrare questo evento sarà certamente caotico.

Il commissario per gli Affari interni Ylva Johansson ha ribadito ai paesi membri all'inizio di giugno che devono abbandonare le restrizioni alle frontiere interne per es- sere pronti ad un approccio comune per riavviare i viaggi globali. Bruxelles cerca disperatamente di evitare un'apertura globale disordinata che può potenzialmente tradursi in un nuovo ciclo di chiusure delle frontiere.

Due elenchi elaborati dalla presidenza croata del Consiglio dell'UE contrassegnano i paesi che presentano nuovi casi di virus a un tasso pari o inferiore a quello dell'UE. Il primo comprende 47 paesi con un tasso di infezione inferiore a 16 casi per 100.000 persone. Il secondo, che co- pre un intervallo di 16-20 per 100.000, elenca 54 paesi. Cina, Vietnam e Australia sono in entrambe le liste, mentre Canada, Turchia ed Egitto sono inclusi solo nella fascia più ampia.

All'inizio di questo mese, la Commissione ha esplicita-mente delineato i Balcani occidentali come una regione in cui voleva riaprirei viaggi il prima possibile. Tuttavia, gli elenchi mostrano un quadro complicato poiché Albania e Kosovo hanno un tasso di infezione più elevato rispetto alla media UE. In Serbia e Bosnia, il tasso di infezione è più basso, ma è in aumento. Il processo sarà "basato sull'evidenza e guidato dalla salute", ha affermato Olivier Jankovec, direttore generale di ACI-Europe, un gruppo di lobby per gli aeroporti. "Non credo che l'UE possa per- mettersi di dare la priorità a qualsiasi cosa diversa dai criteri basati sull'evidenza perché i rischi sono semplicemente troppo alti".

Margherita Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome