Foto_giornale

Un blocco regionale annunciato nei giorni scorsi fa tremare tutta l’Europa. La regione tedesca colpita dalle restrizioni e'Gütersloh, un area con più di 500.000 abitanti. Un banco di prova che stabilira'se l'Europa può gestire i nuovi focolai di COVID-19. Ciò include spinose domande su come amministrare tali misure di contenimento nelle comunità locali. "Al momento è un focolaio locale", ha dichiarato Ralf Reintjes, professore di epidemiologia e sorveglianza all'Università di Scienze Applicate di Amburgo. Ma se la metodologia fallisce a Gütersloh e in altre città come Gottinga, dove un paziente isolato è in quarantena, avverte il professore, la Germania "probabilmente avrà una seconda ondata". Il Ground zero di Gütersloh è un macello di proprietà di Tönnies, un'azienda produttrice di carne. Di circa 7000 lavoratori presso la struttura, oltre 1.500 si sono dimostrati positivi ne- gli ultimi giorni. Finora, la trasmissione locale nella popolazione generale è stata limitata, hanno insistito le autorità locali. Appena dato l’an- nuncio sono state estese le misure di blocco anche al vicino distretto di Warendorf. La polizia viene organizzata mentre, fanno sapere le autorità locali, le chiusure dureranno fino al 30 giugno.

"Lo scopo è quello di calmare la situazione, estendere ora i test per determinare se il virus è già diffuso tra i dipendenti di Tönnies o meno", ha dichiarato Armin Laschet, primo ministro della regione e potenziale contendente per sostituire Angela Merkel come cancelliere federale. La situazione mette in luce sia gli sforzi per gestire la crisi sanitaria sia gli standard di lavoro in Europa in uno stabilimento dipendente dal lavoro importato.

Peter Liese, un parlamentare europeo conservatore e medico adde- strato, ha citato le temperature fredde in impianti di confezionamento di carne come l'impianto di Tönnies. "Questa è la normale condizione di lavoro in queste strutture. Si lavora come fosse inverno". E le temperature basse sappiamo favoriscono la diffusione del virus. Anche le condizioni di lavoro sono da incolpare, ha affermato il parlamentare indicando gli alloggi angusti dei lavoratori e la dipendenza dell'azienda da contratti temporanei che, tra le altre cose, negano il congedo per malattia. Liese ha detto che sta collaborando con i colleghi per spingere la Commissione europea a fare di più per affrontare questi problemi. Il tema è stato ripreso da Ansgar Gerhardus, professore presso l'Istituto di sanità pubblica e ricerca infermieristica dell'Università di Brema. Per lui, non è un caso che altri grandi luoghi di lavoro come Mercedes-Benz o Bayer - dove le persone lavorano a stretto contatto ma ricevono giorni di malattia e contratti migliori - han- no evitato simili focolai. "È giunto il momento di esaminare queste condizioni ... i controlli devono aumentare", ha detto Gerhardus. Il professore ha aggiunto che l'infezione deve essere in circolazione da un po' di tempo perché così tante persone si dimostrino positive ora. È evidente che"una persona non può aver infettato 1.500". Anche i mattatoi in altre parti d'Europa sono stati focolai di infezione.

Nello Yorkshire, nel Regno Unito, le autorità hanno messo un macello sotto sequestro dopo che si era registrato un focolaio. Stesso destino per una struttura nel Galles, dove oltre 150 persone risultarono positive al coronavirus. La struttura venne chiusa immediatamente.

Martin McKee, professore di sanità pubblica europea alla London School of Hygiene and Tropical Medici- ne, ha affermato che i mattatoi sono solo un tipo di "amplificatore istituzionale" in cui il coronavirus ha maggiori probabilità di diffondersi. Altri esempi includono case di cura, navi da crociera e carceri.

In combinazione con le difficili con- dizioni di lavoro e il freddo, i macelli sono rumorosi, ha spiegato McKee, rendendo le urla una necessità e aiutando così la diffusione del virus at- traverso le famose goccioline.

Ma non sono solo i macelli in cui emergono gruppi di casi. In Francia, gruppi di casi localizzati sono stati osservati in Normandia, con piccoli focolai nelle città di tutta la regione. La Germania ha favorito un approccio decentralizzato nel bloccare le singole aree in cui si verificano epidemie. Reintjes concorda con questa strategia, sostenendo che interi stati e paesi non devono essere bloccati per focolai locali.

"Testare, identificare i casi e quindi contattare la ricerca e mettere le persone in quarantena, per quanto difficile possa essere ... è assolutamente cruciale in una situazione come questa", ha detto Reintjes.

Per Gerhardus dell'Università di Brema, l'importante ora è agire con decisione. "Dobbiamo stare attenti che non diventi l'Ischgl tedesco", ha detto, riferendosi alla località austriaca che si è rivelata un punto di diffusione chiave per i vacanzieri che tornano dopo i loro viaggi sugli sci a febbraio e marzo.

Il pericolo è che con l'avvicinarsi delle vacanze estive, molte persone vorranno evitare i blocchi in modo da poter mantenere le loro prenota- zioni, Gerhardus ha osservato. "Abbiamo avuto epidemie di questo tipo", ha detto, indicando un'ondata simile nei casi in un altro mattatoio nella vicina città di Coesfeld. "Era più piccolo, circa 300 persone. Ma sono riusciti a contenerlo in breve tempo e non si è diffuso alla popolazione più ampia". Staremo a vedere intanto, la battaglia dell'Europa per prevenire la seconda ondata di coronavirus inizia a Gütersloh.

Margherita Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome