(foto depositphotos)

Primo tempo tutto targato Cagliari; la squadra guidata da Zenga con una partenza travolgente si porta subito in vantaggio al 12’ con Nahitan Nández, che colpisce a volo sorprendendo l’incolpevole Sirigu. Passano solo 6 minuti e la compagine sarda raddoppia con Simeone che mette in rete il pallone dopo un passaggio di Lykogiannis.

Un Torino che non riesce a trovare soluzioni, recrimina solo per un presunto rigore sul finire del primo tempo ma l’arbitro Mariani, dopo aver visionato la Var, decide di non concedere il tiro dal dischetto. Dopo 6 minuti di recupero, le squadre vanno negli spogliatoi con un bel Cagliari in vantaggio.

Nemmeno il tempo di rifiatare che Nainngolan segna il 3 a 0 per il Cagliari dopo appena un minuto del secondo tempo. Un goal che potrebbe tramortire un Toro davvero sotto corda ma che in realtà da la scossa alla squadra di Moreno Longo

Sotto di 3, il Torino piazza due reti che portano la partita sul 3 a 2. Prima Bremer al 60’ e dopo cinque minuti Belotti riaprono un match il cui risultato sembrava già scontato. 

Ma proprio quando la partita sembrava mettersi sui binari giusti per il Toro, al 69’ N'Kolou stende in area di rigore Pellegrini e l’arbitro fischia il penality. João Pedro realizza il 4 a 2 per il Cagliari.

Finisce così, con una brutta sconfitta per il Torino e un bel Cagliari che si impone per 4 -2 tra le mura amiche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome