Antonio Conte, allenatore dell'Inter (Depositphotos).

PARMA-INTER 1-2 L'Inter batte il Parma in rimonta al Tardini e continua a pensare in grande nonostante i punti di distacco della Juve non siano pochi. Ducali in vantaggio al 15esimo con un bel gol di Gervinho. I nerazzurri ribaltono il risultano negli ultimi dieci minuti con la rete di De Vrii che sfrutta un'azione di calcio d'angolo e con Bastoni che sempre di testa approfitta di una dormita dei parmigiani.

UDINESE-ATALANTA 2-3 L'Atalanta non si ferma più e trova la sua sesta vittoria consecutiva in Serie A battendo l'Udinese per 3-2 e mettendo così tra sè e la Roma un distacco di nove punti. Una classifica che di fatto permette agli orobici di mettere ben più di un piede nella prossima Champions League. Decisivi gli ex: nel primo tempo colpisce Duvan Zapata al 9', nella ripresa arriva la doppietta di Luis Muriel (71' e 79'). Due gol anche per Kevin Lasagna (31' e 87'), ma non bastano all'Udinese per opporsi alla macchina da gol di Gasperini.

SAMPDORIA-BOLOGNA 1-2 Barrow-Orsolini e il Bologna passa sulla Sampdoria, nonostante il brivido finale firmato Bonazzoli: bastano due reti, arrivate a stretto giro di posta a metà del secondo tempo, per permettere ai rossoblù di Sinisa Mihajlovic di uscire dal campo dei blucerchiati con tre importantissimi punti in tasca, frutto di una vittoria esterna per 2 a 1.

SASSUOLO-VERONA 3-3 Verrebbe da dire che se il Sassuolo avesse anche la difesa, forse già in questo campionato avrebbe potuto ambire a posizioni di classifica decisamente migliori. Finisce 3 a 3 la sfida al Mapei contro il Verona (foto). Un risultato che sta stretto ai neroverdi, frenati nella loro rimonta (da 1 a 3 e 3 a 3) anche dalle parate del portiere ospite Silvestri (originario della provincia di Reggio Emilia) con almeno quattro interventi decisivi. E' finita 3 a 3 come qualche giorno fa con l'Inter. E se aggiungiamo i 4 gol presi una settimana fa a Bergamo, i numeri dicono che il Sassuolo ha sì segnato 7 reti in tre gare, ma ne ha anche subite 10. Dopo un primo tempo condizionato dal gran caldo e senza emozioni, di ben altro livello spettacolare il secondo. Decisivi gli ingressi di Boga e Rogerio, forze fresche che hanno regalato al Sassuolo la possibilità di evitare una sconfitta ingiusta. verona avanti con lazovic, immediato il pari di Boga. Poi due errori difensivi, in particolare d Muldur e di Peluso, spalancano la strada al Verona che va sul 3 a 1. prima della terza rete la super parata di Silvestri su Muldur che nega il possibile 2 a 2. Sotto di due reti il Sassuolo prende il comando del gioco. Boga riapre il match, Berardi ha due occasioni per pareggiare. Alla fine del settimo minuto di recupero il gol capolavoro di Rogerio che da fuori area manda la palla sul palo e poi in rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome