Boeing ha iniziato ieri un volo di prova per determinare se il 737 MAX può tornare a volare in sicurezza dopo che l'anno scorso gli incidenti mortali hanno fatto mettere a terra il jet in tutto il mondo. L'aereo è decollato da un campo d'aviazione vicino a Seattle e ha volato attraverso lo stato orientale di Washington prima di scendere in Oregon e alla fine tornare nella zona di Seattle.

Gli appassionati di volo in tutto il mondo hanno seguito in tempo reale mentre l'aereo sorvolava il centro di Washington ed effettuava manovre. L'Autorità Federale dell'Aviazione (Faa) ha approvato i voli di prova di certificazione dopo che Boeing ha presentato le correzioni di sicurezza per la revisione.

Il volo è una pietra miliare verso la fine di un fermo imposto in tutto il mondo da marzo dello scorso anno, dopo che in due incidenti del modello più venduto di Boeing sono morte 346 persone. La U.S. Federal Aviation Administration (FAA) ha confermato che stanno conducendo una serie di voli di certificazione questa settimana per valutare i cambiamenti proposti da Boeing al sistema di controllo di volo automatizzato sul 737 MAX. I voli di certificazione, che si prevede richiedano circa tre giorni, comprenderanno una vasta gamma di manovre di volo e procedure di emergenza per valutare se i cambiamenti soddisfano i requisiti di certificazione FAA.

I test sono condotti da piloti collaudatori e ingegneri della FAA e della Boeing. ''Anche se i voli di certificazione sono una pietra miliare importante, rimangono una serie di compiti chiave'', ha sottolineato la FAA, che segue un procedimento di prove e si prenderà il tempo necessario per rivedere a fondo il lavoro della Boeing. ''Toglieremo l'ordine di fermo solo dopo aver accertato che l'aeromobile soddisfa gli standard di certificazione", ha dichiarato la Federal Aviation Administration.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome