La misteriosa comparsa del ghiaccio rosa nelle Alpi sta sollevando preoccupazioni tra gli scienziati. La Chlamydomonas nivalis, è un tipo di alga che si trova di solito in Groenlandia e da qualche giorno ha iniziato a crescere nel nord Italia colorando di rosa i ghiacciai. Nonostante il suo aspetto piacevole alla vista, la neve rosa non è una buona notizia sul fronte del cambiamento climatico. Di solito, il ghiaccio riflette oltre l'80% della radiazione solare nell'atmosfera. Quando il ghiaccio cambia colore, perde la capacità di riflettere il calore, il che significa che i ghiacciai iniziano a sciogliersi più velocemente.

Il ghiacciaio Presena, vicino a Pellizzano in Italia, è spesso chiamato il "gigante delle Alpi" e si trova a 3.069 metri sul livello del mare. Descritto come un "paradiso per tutti coloro che amano la natura, la storia e gli sport di montagna". A causa dell'aumento delle temperature globali che sciolgono il ghiaccio sulle montagne, la stazione sciistica locale Pontedilegno-Tonale ha avviato un progetto di conservazione nel 2008. Usano enormi pezzi di tessuto geotessile per coprire i ghiacciai per tutta l'estate, mantenendoli freddi e proteggendoli dallo scioglimento. Tuttavia, nonostante i loro migliori sforzi, il ghiacciaio ora affronta una nuova minaccia sotto forma di alghe.

Secondo Biagio Di Mauro del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la neve rosa è probabilmente causata da un organismo che prospera nella "Zona Oscura" della Groenlandia. Questa è un'area in cui anche il ghiaccio si sta sciogliendo, causando un diffuso oscuramento lungo il margine occidentale della calotta glaciale. "L'alga non è pericolosa, è un fenomeno naturale che si verifica durante i periodi primaverili ed estivi alle medie latitudini ma anche ai polacchi", ha detto Di Mauro. Tuttavia, "tutto ciò che oscura la neve fa sì che si sciolga perché accelera l'assorbimento delle radiazioni", ha continuato Di Mauro.

Inizialmente si pensava che le alghe fossero Ancylonema nordenskioeldii (un'alga del ghiacciaio), ma Di Mauro ha chiarito in un tweet che è più probabile che sia Chlamydomonas nivalis (un'alga delle nevi). Le Alpi si stanno sciogliendo? L'anno scorso, uno studio ha stimato che i due terzi del ghiaccio del ghiacciaio nelle Alpi si scioglieranno entro il 2100. La ricerca, pubblicata sulla rivista The Cryosphere, ha avvertito che metà del ghiaccio sui 4.000 ghiacciai della catena montuosa scomparirà entro il 2050, e due terzi si saranno sciolti entro il 2100, a causa degli effetti dannosi delle emissioni di carbonio in tutto il mondo. I ghiacciai instabili rappresentano anche una minaccia per le città alpine e le aree turistiche.

Gli scienziati hanno sviluppato "una comprensione intima di come si comportano i ghiacciai", ha detto Fabian Walter, glaciologo sismico dell'ETH di Zurigo. Ma c'è ancora "molto che non capiamo su come, perché o quando un particolare il corpo di ghiaccio potrebbe crollare ", dice. "Con i cambiamenti climatici, il paesaggio si sta evolvendo in modi difficili da prevedere". Ridurre significativamente la nostra dipendenza dai combustibili fossili è il modo migliore per impedire lo scioglimento del ghiaccio in luoghi come le Alpi e l'Artico. Uno studio del 2019 ha rilevato che le emissioni generate dalla combustione di combustibili fossili costituiscono la principale causa di fusione del ghiaccio nell'Artico, a causa di un accumulo di "carbonio nero".

Secondo il World Resources Institute (WRI), i modi più efficaci per passare a un mondo più pulito e più verde includono "stabilire un prezzo per il carbonio" in modo che la produzione di combustibili fossili non sia sovvenzionata. L'istituto raccomanda inoltre di investire di più in edifici ad alta efficienza energetica, migliorare l'accesso all'elettricità in tutto il mondo e creare le condizioni per eliminare gradualmente il carbone. Questo tipo di azione per il clima potrebbe offrire benefici economici per almeno 26 trilioni di dollari entro il 2030, afferma il WRI.

MAR. POR.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome