Foto_giornale

Robot a comando vocale che combatteranno fianco a fianco con soldati umani. Questi androidi, che assomigliano a carri armati in miniatura con gradini e torrette, probabilmente sostituiranno i soldati nei conflitti futuri.

Insomma le guerre future si combatteranno a colpi di tecnologia. E secondo alcune indiscrezioni sarebbero proprio i russi tra i primi a sperimentare nuove tecniche e prototipi di soldati robot. Il personale dell'esercito metterà alla prova i robot dando loro comandi vocali, nello stesso modo in cui parlerebbero con un soldato umano, ha dichiarato il capo progetto Oleg Martyanov al servizio di notizie russo TASS. Inizialmente, ha detto Martyanov, l'idea era quella di controllare i robot tramite un tablet. "Poi abbiamo provato la tecnologia di controllo vocale, replicando la voce di un comandante che impartisce ordini sia ai suoi subordinati. Ed e’questo che stiamo sviluppando ora.

"Attualmente, gli specialisti stanno anche cercando di aumentare il controllo a distanza. In questo momento, l'operatore perde il contatto dopo che il robot ha percorso tra due e cinque chilometri. I robot saranno controllati da un sistema operativo chiamato "Marker", che funziona quasi come un cervello robotico. Il Marker semplifica i movimenti e la navigazione, impedendo ai robot di schiantarsi contro gli oggetti."Il nostro obiettivo è insegnare al marcatore a svolgere compiti da solo a una distanza significativa dall'operatore, a una distanza determinata dalla portata della piattaforma robotica", ha detto Martyanov. Il robot controllato dai marcatori avrà un'autonomia fino a 500 chilometri. Inoltre, il robot sarà in grado di aggiornare le proprie indicazioni di viaggio. Sarà anche in grado di identificare gli obiettivi in modo indipendente.I processi di controllo vocale fanno parte della più ampia ambizione della Russia di costruire robot militari appositamente per i combattimenti moderni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome