In una Bruxelles deserta, simbolicamente con il fiato sospeso i leader dei 27 paesi europei hanno raggiunto all’alba del quinto giorno di trattative l’accordo storico che traghetterà l’Europa in una nuova fase della sua storia. I membri UE hanno mostrato al mondo che il progetto europeo è vero ed efficace e che nonostante le enormi difficoltà economiche causate dalla pandemia recente, esiste la volontà forte di sostenersi vicendevolmente. Questo accordo, infatti segna un doppio risultato. Il primo concreto economico di aiuto e sostegno proporzionale alle perdite ai paesi membri. Il secondo segnale politico. Un affermazione al mondo che l’Europa c’è ed è forte, unita e può concretamente competere con le grandi economie mondiali. È stata una vittoria di portata storica poiché segna indubbiamente un profondo cambiamento nella storia dell’Unione e soprattutto dona grande speranza ai milioni di cittadini che vivono nei paesi membri. Un segnale forte alle grandi economie del mondo, Stati Uniti, Cina, India.

L’Europa c'é’! Accordo raggiunto. Poco dopo le 5,30 del mattino di ieri sono arrivati i primi tweet di Michel, presidente del consiglio Europeo e quelli di Macron, leader francese. "Il vertice infinito è finito con un'intesa". Quella sul piano NextGenerationEu "è la più importante decisione economica dall'introduzione dell'euro. Scrive in un tweet il commissario Ue per l'Economia Paolo Gentiloni. Tutti concordo sull’accordo storico che traghetterà l’Europa in un nuova fase della sua storia. Più vicini a un'Unione Europea confederata. Più uniti nel concordare una politica comune. Una vittoria importante che assicurerà il rilancio economico dei paesi più colpiti dall’epidemia da coronavirus. Una "vittoria del popolo europeo", ha ricordato il Presidente del Consiglio Europeo.

I leader dell'UE hanno concordato un piano innovativo di prestiti e concessioni di 750 miliardi di euro. Il fondo di risanamento dell'UE, composto da 390 miliardi di euro in sovvenzioni e 360 miliardi di euro in prestiti, sarà assegnato nel bilancio di sette anni di 1.074 trilioni di euro, relativo al quadro finanziario pluriennale (QFP). Accordo sul quale i capi di Stato e di governo hanno raggiunto un accordo unanime, portando il pacchetto finanziario totale a 1,82 trilioni di euro. Una delle riunione più lunghe nella storia dell'UE. "Abbiamo dimostrato che la magia del progetto europeo funziona perché quando pensiamo che sia impossibile c'è una molla nel nostro passo grazie al rispetto e alla cooperazione", ha dichiarato il presidente del Consiglio Europeo Michel. Lo abbiamo fatto! L'Europa è forte. L'Europa è unita!" -ha aggiunto.

Parlando alla conferenza stampa a fianco di Michel, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che è "deplorevole" che alcune aree di spesa - come la sanità - siano state ridotte nell'accordo finale tra i leader. Ma ha aggiunto che mentre l'UE è spesso accusata di fare "troppo poco, troppo tardi", questa accusa non può rimanere questa volta. "Abbiamo negoziato quattro lunghi giorni e notti, più di 90 ore, ma ne è valsa la pena", ha detto. Il vertice è stato il primo incontro di persona dei capi di stato e di governo da quando le misure di blocco sono state imposte a marzo e ha avuto luogo con straordinarie precauzioni sanitarie. I leader hanno indossato maschere per il viso, si sono incontrati in una stanza molto più grande del normale per garantire il distanziamento sociale e sono stati costretti a ridurre le dimensioni delle loro delegazioni a soli sei funzionari dai consueti 19.

Questa volta il QFP è stato particolarmente difficile da mettere insieme a causa dell’ uscita dell’Inghilterra. Le capitali nazionali e le istituzioni dell'UE hanno dovuto chiudere un buco di circa 10 miliardi di euro all'anno o più che è stato lasciato dalla partenza dal blocco del Regno Unito, che aveva contribuito in modo considerevole al bilancio. Michel ha guidato le negoziazioni e alla fine ha colmato una serie di accesi disaccordi, in particolare per quanto riguarda la parte delle sovvenzioni del fondo di recupero, che aveva portato i colloqui al limite del collasso di domenica sera. Con la pandemia di coronavirus ancora in atto a livello globale e una ripresa dei casi in alcuni paesi dell'UE, alcuni leader avevano temuto che il mancato raggiungimento di un accordo avrebbe fatto precipitare i mercati azionari e potenzialmente peggiorato la crisi economica. Molti esperti affermano che il vero shock della pandemia deve ancora essere avvertito a causa di programmi governativi di emergenza per prevenire la perdita di posti di lavoro, che potrebbero presto scadere.

All'inizio di questo mese la Commissione europea ha previsto che quest'anno l'economia dell'UE si sarebbe ridotta dell'8,3 per cento. Alla fine, i leader hanno sostenuto le proposte di salvataggio e la Presidente della Commissione von der Leyen, che ha guidato gli sforzi per elaborare l'enorme piano di bilancio e di recupero, avrà un progetto finanziario a partire dal 1 ° gennaio. Un progetto su misura per fronteggiare la crisi e affrontare le sue principali priorità politiche, vale a dire il Green Deal europeo per combattere i cambiamenti climatici e una serie di iniziative volte alla trasformazione digitale. Francia e Germania avevano proposto a maggio un programma di indebitamento per sovvenzioni di 500 miliardi di euro, adottato dalla Commissione europea, e aggiunto un programma di prestiti per 250 miliardi di euro. Mentre in passato i paesi dell'UE hanno prestato prestiti congiuntamente sui mercati finanziari su piccola scala, anche in risposta alla crisi del debito della zona euro nel 2010, il nuovo piano segna un balzo potenzialmente gigante dell'integrazione fiscale.

L'approvazione del piano rappresenta un trionfo per la Germania e la Francia e una vittoria personale per la cancelliera Angela Merkel e il presidente Emmanuel Macron, che hanno stretto uno stretto rapporto di lavoro durante la crisi. Macron ha salutato il pacchetto finale come "un cambiamento storico della nostra Europa e della zona euro. Voglio che tutti misurino la distanza percorsa in due mesi", ha aggiunto in una conferenza stampa congiunta con la Merkel. La leader tedesca ha detto ai giornalisti che era "molto felice" dell'accordo e si è sentita "sollevata.Non è stato facile per cui abbiamo avuto bisogno di così tanti giorni. Questo accordo ha dimostrato anche che provenivamo da direzioni diverse. Ma ciò che conta per me è che abbiamo finito per metterlo insieme e che ora siamo tutti convinti di ciò che abbiamo deciso di fare", ha aggiunto la Merkel.

I sostenitori del piano affermano che si tratta di una dimostrazione estremamente simbolica di solidarietà in risposta alla pandemia e allo shock economico di accompagnamento - che fornisce una misura di redenzione per le istituzioni dell'UE e per le capitali nazionali dopo una reazione inizialmente confusa in cui i governi in preda al panico hanno chiuso unilateralmente i confini e bandito esportazioni di forniture mediche di emergenza. Giuseppe Conte, il primo ministro italiano del paese che è stato più colpito dalla crisi, ha affermato che è stato "un momento storico per l'Europa. Abbiamo approvato un ambizioso piano di ripresa, adeguato alle esigenze che stiamo vivendo, che ci consentirà di affrontare questa crisi con forza, efficacia", ha dichiarato a una conferenza stampa. Un’accordo conquistato a fatica contro i quattro frugali: Austria, Danimarca, Paesi Bassi e Svezia. Paesi che si erano fortemente opposti all'idea di assumersi un debito per erogare sussidi per il recupero. Per gran parte del vertice, hanno combattuto ferocemente per ridurre la parte delle sovvenzioni a favore dei prestiti.

Con la loro compatta opposizione i frugali hanno ottenuto alcune grandi concessioni nel progetto finanziario di base, tra cui un significativo aumento degli sconti che vengono utilizzati per limitare i loro contributi complessivi al bilancio dell'UE. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha twittato che l'accordo è stato un "buon risultato" per l'UE e l'Austria e ha reso omaggio ai suoi compagni. Mark Rutte, il leader dei Paesi Bassi, è stato meno elusivo di alcuni leader dell'UE, scegliendo di non etichettare l'accordo come "storico" - "questo è un termine che non userei", ha detto ai giornalisti. Ha lodato il modello di governance dell'accordo, che offre ai Paesi Bassi (o qualsiasi paese) la possibilità di innescare un "freno di emergenza" sui pagamenti se ritiene che un governo non abbia rispettato le sue promesse di riforma. I leader hanno anche convenuto di aumentare la parte dei dazi doganali dell'UE che i paesi possono mantenere per i propri bilanci, un vantaggio per i Paesi Bassi con i suoi porti. Tutti soddisfatti. Ora comincia il processo vero di riforme per l'Italia e di rilancio delle economie europee più deboli. Con questo accordo l’Europa ha mostrato di essere un progetto concreto e soprattutto ha lanciato un messaggio di presenza sul piano internazionale forte e deciso.

Margareth Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome