La disoccupazione in Europa è cresciuta a causa della pandemia da coronavirus. Compagnie aeree e industria automobilistica sono rispettivamente i settori che hanno sofferto di piu’ a causa delle chiusure preventive e sono anche quelli che hanno effettuato i maggiori tagli di posti di lavoro. I dati sono impressionanti, a rilevarli l’agenzia di statistica dell'UE che ha quantificato che circa 397.000 lavoratori dipendenti ha perso l’impiego ad aprile. Il tasso di disoccupazione è salito al 6,6% sempre ad aprile. Un aumento di circa due punti se confrontato con il dato del mese precedente (6,4%). È il più grande aumento avvenuto in Europa negli ultimi anni. La situazione e’ certamente seria ma c’e’ da dire che l’orientamento di quasi tutti gli stati membri e’stato quello di ricorre a misure estreme di aiuto di cittadini e lavoratori. Congedi pagati, cassa integrazione e contributi Covid hanno certamente tamponato una situazione che prometteva di diventare esplosiva. Grande impatto hanno avuto i programmi di cassa integrazione che mettono i lavoratori in congedo temporaneo con il governo che ha pagato una percentuale dei loro stipendi. Molto resta da fare soprattutto perche’ tante troppe aziende hanno licenziato e stanno licenziando lavoratori. Ecco il nostro elenco aggiornato di aziende in Europa che effettuano tagli di lavoro dovuti o parzialmente a COVID-19.

BRITISH PETROLEUM 10.000 posti di lavoro

BP prevede di tagliare circa 10.000 posti di lavoro in tutto il mondo. Il colosso petrolifero britannico BP ha annunciato l'intenzione di tagliare posti di lavoro l'8 giugno a causa della crisi causata dal coronavirus. La pandemia ha ridotto la domanda globale di petrolio e, a sua volta, i prezzi. Il CEO Bernard Looney ha confermato i tagli affermando che sarebbe stati effettuati entro quest'anno. "Incominceremo un processo che vedrà quasi 10.000 persone lasciare BP - la maggior parte entro la fine di quest'anno." "La maggior parte delle persone interessate lavorerà in ufficio. Stiamo proteggendo il fronte dell'azienda e, come sempre, dando la priorità alle operazioni sicure e affidabili".

PRET A MANGER 30 negozi

Fortemente influenzato da COVID-19 in termini di "flusso di cassa" e "costi operativi", la catena di negozi di sandwich ha dichiarato in un comunicato che chiuderà 30 punti vendita in tutto il paese, quasi la metà a Londra. Pret a manger non ha dichiarato quanti posti di lavoro verrebbero tagliati. La società dà lavoro a circa 8.000 persone nel Regno Unito. "Quando la crisi del coronavirus ha colpito, abbiamo affermato che la nostra priorità era proteggere la nostra gente, i nostri clienti e, naturalmente, Pret. Abbiamo confermato che era nostra intenzione fare tutto il possibile per salvare posti di lavoro ", ha dichiarato il CEO Pano Christou." Sebbene siamo riusciti a farlo attraverso il blocco, grazie in particolare al supporto vitale del governo, non possiamo sfidare la gravità e continuare con il modello di business che avevamo prima della pandemia. Ecco perché abbiamo adattato la nostra attività e trovato nuovi modi per raggiungere i nostri clienti ". Mulberry (tagli per circa 25% della sua forza lavoro): anche il settore moda di lusso ha subito il terribile impatto della pandemia. Mulberry, il marchio britannico noto per i suoi articoli in pelle e costose borse, ha dichiarato che taglierà il 25% della sua forza lavoro in tutto il mondo. Si prevede che la maggior parte dei lavori andrà nel Regno Unito, dove lavora la stragrande maggioranza del suo personale.

CASUAL DINING GROUP BELLA ITALIA, CAFÉ ROUGE, LAS IGUANAS 1.900 posti di lavoro

Il proprietario della catena di ristoranti ha annunciando una perdita immediata di 1.900 della sua forza lavoro. Secondo i rapporti, un certo numero di acquirenti sarebbero interessati alle catene separate, ma non sono desiderosi di rilevare tutti i 250 punti vendita, pertanto almeno 91 ristoranti rimarranno chiusi.

SWISSPORT 4.556 posti di lavoro

Swissport, società di servizi di trasporto aereo, ha dichiarato che potrebbe tagliare 4.556 posti di lavoro nel Regno Unito e in Irlanda, diventando cosi l'ultima vittima della pandemia da coronavirus. Swiss Western Europa, che opera negli aeroporti di Londra Heathrow e Gatwick dovrebbe ridurre le dimensioni del personale per sopravvivere alla crisi.La società, che assume più di 64.000 persone in tutto il mondo, ha dichiarato che anche il personale inevitabile in Europa sarà licenziato - ma non ha detto quanti posti di lavoro fossero a rischio.

BRITISH AIRWAYS fino a 12.000 posti di lavoro

British Airways ha annunciato a fine aprile che avrebbe tagliato fino a 12.000 posti di lavoro dalla sua forza lavoro di 42.000 a causa del devastante impatto del coronavirus sull'industria dei viaggi. La società madre della compagnia aerea, International Airlines Group (IAG), ha affermato che doveva imporre un "programma di ristrutturazione " fino a quando la domanda di viaggi aerei non tornerà ai livelli pre-coronavirus. Potrebbero verificarsi perdite di lavoro anche sulle altre compagnie aeree IAG, Iberia e Vueling in Spagna e Aer Lingus in Irlanda, CEO Willie Walsh, ha avvertito.

EASYJET circa 4.500 posti di lavoro

La compagnia aerea low cost britannica EasyJet ha annunciato che avrebbe tagliato i posti di lavoro sulla scia del coronavirus. La società ha dichiarato che il 30% della sua forza lavoro sarebbe ridotta, il che equivale a circa 4.500 posti di lavoro. Alla fine di giugno, EasyJet ha affermato che lo era anche considerando la chiusura di tre delle sue basi nel Regno Unito.

VIRGIN ATLANTIC 3.000 posti di lavoro

La compagnia aerea ha annunciato che taglierà oltre 3.000 posti di lavoro nel Regno Unito e terminerà le sue operazioni all'aeroporto di Gatwick.

REACH PLC 550 posti di lavoro

Il più grande editore di notizie nazionali e regionali del Regno Unito - che possiede anche i quotidiani Daily Express e Daily Mirror - ha annunciato il 7 luglio che sta tagliando il 12% della sua forza lavoro. "I cambiamenti strutturali nel settore dei media sono accelerati durante la pandemia", Il CEO del gruppo Jim Mullen ha dichiarato, aggiungendo che "per far fronte a queste sfide e per accelerare la nostra strategia di valore per i clienti, abbiamo completato i piani per trasformare il business". "Purtroppo, questi piani comportano una riduzione della nostra forza lavoro".

BOOTS 4.000 lavoratori

Il rivenditore britannico Boots, noto per le sue farmacie, i negozi di bellezza e gli ottici, taglierà 4.000 posti di lavoro o circa il 7% della sua forza lavoro. Sta chiudendo 48 negozi di Boots Opticians e avrà una riduzione del 20% nell'ufficio di supporto del Regno Unito, ha dichiarato in una nota la casa madre Walgreens Boots Alliance. Anche se la farmacia di Boots è rimasta aperta durante il lockdown, la società ha dichiarato che "un enorme calo nei negozi "" Riconosciamo che le proposte di oggi saranno molto difficili per le persone straordinarie che costituiscono il cuore della nostra attività, e faremo tutto il possibile per fornire il massimo supporto durante questo periodo ", ha dichiarato Sebastian, amministratore delegato di Boots UK James.

RENAULT 15.000 posti di lavoro

La casa automobilistica francese Renault ha annunciato alla fine di maggio che avrebbe perso 15.000 posti di lavoro in tutto il mondo mentre cercava di cavalcare il calo delle vendite di auto, che sono precipitate ulteriormente a causa del coronavirus. I numeri sono alti, 4.600 posti di lavoro saranno tagliati in Francia. Tuttavia, tale cifra potrebbe essere inferiore poiché la Renault si è assicurata un prestito governativo di 5 miliardi di euro e in cambio avrebbe ristrutturato le sue fabbriche. Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto ai dipendenti di due fabbriche Renault che il loro futuro era garantito. Renault, che è in parte di proprietà del governo francese, era sotto pressione anche prima del colpo di COVID-19 e ha registrato la sua prima perdita in un decennio dell'anno scorso. Sta anche cercando di cavalcare lo spettro di Carlos Ghosn. I tagli all'occupazione fanno parte dei suoi piani per trovare risparmi per 2 miliardi di euro nei prossimi tre anni.

AIRBUS 15.000 posti di lavoro

Airbus ha dichiarato che taglierà 15.000 posti di lavoro mentre affronta "la crisi più grave che questo settore abbia mai vissuto". Ciò rappresenta una riduzione dell'1% della forza lavoro dell'azienda in tutto il mondo, il che peggiora le prospettive per il planemaker europeo, che ha dichiarato che a maggio potrebbe tagliare fino a 10.000 posti di lavoro in mezzo alla crisi dei viaggi del coronavirus. Circa 5.100 posti di lavoro saranno tagliati in Germania, 5.000 in Francia, 1.700 nel Regno Unito, 900 in Spagna e 1.300 negli altri siti del gruppo in tutto il mondo. Ad aprile Airbus ha dichiarato che avrebbe tagliato il numero di aerei costruiti da un terzo in quanto le compagnie aeree annullano o ritardano gli ordini a causa della messa a terra dei voli.

AIR FRANCE 7.500 posti di lavoro

Air France afferma che taglierà 7.500 posti di lavoro dalla forza lavoro entro il 2022. Ciò include 6.500 tagli di lavoro dalla stessa Air France, mentre altri 1.000 andranno persi nella filiale regionale Hop. Secondo la compagnia di bandiera francese, la maggior parte dei tagli non dovrebbe essere effettuata attraverso dimissioni e pensionamento dei lavoratori. La compagnia francese ha affermato che sarebbe anche incoraggiante le dimissioni e le dimissioni volontarie prima che i licenziamenti vengano infine messi in gioco.

EUROLINES Liquidazione obbligatoria

Un tribunale francese ha posto la società di pullman interurbana Eurolines in liquidazione obbligatoria, con il gigante dei trasporti francese che interrompe le operazioni dopo 35 anni. È arrivato dopo che Eurolines è stato acquisito dal gruppo tedesco FlixBus l'anno scorso, ma i sindacati hanno affermato che la holding si è rifiutata di cercare un acquirente e sta sfruttando la pandemia di coronavirus per licenziare i lavori. La decisione riguarda 36 persone ancora impiegate da Eurolines, con oltre 50 ricollocate in un piano di tutela del lavoro. La direzione di Eurolines ha dichiarato che le procedure di insolvenza sono "inevitabili a causa della situazione finanziaria in cui si trova la società". le difficoltà finanziarie dell'azienda sono state "improvvisamente e fortemente aggravate dalla crisi sanitaria ed economica causata dalla pandemia di COVID-19, che ha colpito tutto il trasporto di passeggeri su strada e provocato un calo globale senza precedenti della domanda". Ma i sindacati hanno affermato che la holding si è rifiutata di cercare un acquirente e sta sfruttando la pandemia di coronavirus per licenziare. "Flixbus ha svuotato Eurolines della sua sostanza, sta per riconquistare quote di mercato e ora sta cercando di sbarazzarsi dei dipendenti senza pagare nulla", ha dichiarato Pierre-François Rousseau, un avvocato che rappresenta i dipendenti di Eurolines. TUI 8.000 posti di lavoro La società di viaggi anglo-tedesca Tui ha annunciato il 13 maggio scorso che avrebbe tagliato 8.000 posti di lavoro in tutto il mondo. In una relazione finanziaria semestrale, ha affermato che la pandemia è "senza dubbio la più grande crisi che l'industria del turismo e Tui abbiano mai affrontato". La compagnia anglo-tedesca ha dovuto interrompere i viaggi. A marzo, il governo tedesco ha concesso a Tui un prestito di 1,8 miliardi di euro per aiutarlo a superare la pandemia. Ma sembra che il prestito non sia sufficiente a risollevare l’azienda e i licenziamenti sembrano essere inevitabili.

THYSSENKRUPP 3000 posti di lavoro

Il conglomerato industriale Thyssenkrupp ha annunciato il 25 marzo che avrebbe tagliato 3.000 posti di lavoro nella sua unità siderurgica in Germania come parte di un "pacchetto di crisi" COVID-19. Il gruppo, che produce ascensori e sottomarini, ha affermato di aver raggiunto un accordo con il potente sindacato tedesco IG Metall per tagliare 2.000 posti di lavoro nei prossimi tre anni e altri 1.000 entro il 2026.

MOTORI AERONAUTICI MTU 1.000-1.500 posti di lavoro

Il costruttore tedesco di motori aeronautici ha annunciato il 6 luglio che intende ridurre la sua forza lavoro del 10-15% entro la fine del 2021 nei suoi impianti tedeschi e internazionali attraverso "un maggiore ricorso a misure flessibili" e accordi di pensionamento parziale o pensionamento anticipato.

LUFTHANSA 22.000 posti di lavoro

La compagnia aerea tedesca Lufthansa ha dichiarato che l'11 giugno che taglierà 22.000 posti di lavoro a causa di interruzioni del viaggio causate dal coronavirus. La compagnia aerea ha dichiarato che metà dei tagli di lavoro sarebbe avvenuta in Germania

NISSAN 2.800 posti di lavoro

La casa automobilistica giapponese ha annunciato il 28 maggio che avrebbe chiuso la sua fabbrica a Barcellona, che impiega circa 2.800 persone. Le proteste sono scoppiate con persone che bruciavano pneumatici per cercare di lottare per il loro lavoro. La ditta ha affermato che il coronavirus ha accumulato pressione sull'azienda e che si concentrerà sui suoi mercati in Asia e Nord America.

SCHINDLER 2.000 posti di lavoro

La società, che produce scale mobili, marciapiedi mobili e ascensori in tutto il mondo, ha annunciato il 24 luglio che, a causa dell'impatto di COVID-19 e "per preservare la sua competitività", taglierà 2.000 posti di lavoro a livello globale. contrazione dell'"ordinazione nella prima metà del 2020".

SCANDINAVIA AIRLINES 5.000 posti di lavoro

Mentre la Scandinavia Airlines (SAS) ha anche annunciato tagli temporanei di posti di lavoro a marzo, un mese dopo ha dichiarato che 5.000 posti di lavoro - quasi la metà del numero totale di dipendenti - perderanno permanentemente i loro posti di lavoro. la potenziale riduzione della forza lavoro sarebbe suddivisa con circa 1.900 posizioni in Svezia, 1.300 in Norvegia e 1.700 in Danimarca.

MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome