Foto_giornale

A New York l'Italian American Museum è un po' l'essenza della storia italiana negli Stati Uniti. Partito dove all'inizio del secolo scorso si trovava la Banca Stabile, fondata nel 1885 da Francesco Rosario Stabile che poi, durante il periodo di massimo splendore, offriva agli immigrati arrivati dall'Italia servizi di ogni genere, non solo finanziari. Telegrafo, biglietti per le navi a vapore, import-export, ufficio postale, notaio. E da quell'edificio, dal 2001, è sorto l'Italian American Museum (attualmente chiuso per restauri tornerà presto) fondato da Joseph V. Scelsa, Cavaliere Ufficiale, professore emerito al Queens College.

L'Italian American Museum è stato il seguito, diretto, di una mostra straordinaria, di grande successo: 'The Italians of New York: Five Centuries of Struggle and Achievement' tenutasi dal 12 ottobre 1999 al 20 febbraio 2000 alla New York Historical Society. Una esibizione sponsorizzata dal John D. Calandra Italian American Institute del Queen College. In quel periodo il Dr. Joseph V. Scelsa era docente al Queen e decano al Calandra e successivamente la concettualizzazione del museo è stata una conseguenza diretta della sua visione del fenomeno. Una volta inaugurato il museo è diventato un punto di riferimento a Mulberry Street, una delle strade che hanno fatto diventare celebre la Little Italy. Ecco allora dal Dr. Scelsa la testimonianza, le impressioni, i suggerimenti su quello che è e dovrà essere ancora nel tempo Cristoforo Colombo per gli italo-americani negli Stati Uniti.

1) "Colombo deve essere assolutamente una icona di coraggio, esplorazione e perseveranza non solo per gli italo-americani, ma per tutta la popolazione americana e le persone in tutto il mondo".

2) "Dipende dalle istituzioni. Colombo continua a godere del supporto di diverse organizzazioni. Il Columbus Day continua a essere una festa federale e molte istituzioni, inclusa la capitale degli Stati Uniti, portano il suo nome".

3) "Gli italo-americani dovrebbero essere meglio organizzati e farsi sentire di più. Dovrebbero anche leggere più storia possibile e prendere le loro decisioni e non seguire gruppi che hanno interpretato la stessa basandosi esclusivamente sul modo in cui viene suppor- tata la narrativa. L'Italian American Museum ha una missione più specifica, quella di evidenziare ciò che gli italo-americani hanno ottenuto dopo l'immigrazione di massa, ma sostiene anche organizzazioni come UNICO, NIAF, Columbus Heritage Coalition e il Columbus Citizens Foundation nella loro difesa di Cristoforo Colombo".

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome