Un’estate strana quella parigina di quest’anno. Caldissima e senza turisti. E gli abitanti locali ribelli si rifiutano di indossare le maschere di protezione. Una protesta che ormai non e’ piu’ caratterizzata da un qualche gruppo isolato. La gran parte dei parigini semplicemente si rifiuta di indossare le maschere. Stanchezza da lockdown, o spirito di ribellione. Poco importa, la realta’e’che Parigi si sente combattuta tra indulgere in uno stato di negazione sul pericolo COVID-19 e imporre uno stato d'assedio per combattere una tempesta imminente, scatenata da un virus risorgente. Insomma il coronavirus sta rendendo questo agosto una fonte di ansia più che di piacere. Ci sono oggettivamente meno turisti in giro a causa del COVID-19, ma le autorità sanitarie hanno avvertito che la città è già nelle prime fasi di un "rimbalzo pandemico".

E quelli che sono rimasti a Parigi sono bloccati non solo da un'ondata di caldo, ma da persone che violano le regole imposte per frenare il virus. Le masse senza maschera stanno letteralmente "scoprendo i denti" e mostrando "il naso" alle feste (rave techno clandestini), così come nei ristoranti e nei negozi, dove le maschere sono obbligatorie. Sarebbe un errore vedere questa sfida come mera incuria o indifferenza estiva. È un sintomo di vari mali, tra cui sfiducia nella politica e divisione sociale ed economica. Entrambi sentimenti che sono stati esacerbati dal virus.

La scorsa settimana, Maxime Nicolle, leader del movimento anti-establishment Yellow Jacket, ha dichiarato in un video che le maschere sono inutili e ha fatto il suo punto tirando una sigaretta prima di indossare una maschera e mostrando che il fumo continuava a uscire. In mezzo ai post di Facebook che suggeriscono che le maschere sono dotate di chip per controllare i nostri movimenti, gli attivisti anti-maschera discutono su come organizzare una mega riunione a Parigi a settembre.

Al di là di quei manifestanti marginali, una percentuale maggiore di parigini semplicemente non si fida di un governo che ha affermato per mesi che le maschere erano di scarsa utilità nella lotta alla pandemia. Altri, come le persone che vivono in piccoli appartamenti senz'aria e in quartieri poveri densamente popolati, sentono di non avere altra scelta che mettere il loro benessere immediato prima della loro salute a lungo termine. Il distanziamento sociale è un lusso che non possono permettersi facilmente. Tra i ribelli ci sono anche bambini che fanno acrobazie sulle loro biciclette, conquistano Place de la République e si godono un po 'di divertimento senza maschera.

È duro condannarli per essersi sfogati dopo mesi di isolamento e un anno scolastico caotico. Ed è facile simpatizzare con coloro che hanno sostenuto con rabbia che le regole colpiscono alcuni molto più duramente di altri. Quando le autorità cittadine hanno annunciato la scorsa settimana che indossare la maschera sarebbe stato obbligatorio in alcune aree all'aperto, le mappe hanno mostrato che le misure avrebbero interessato principalmente le zone a basso reddito a est e nord di Parigi. I funzionari hanno detto che non c'era intenzione di prendere di mira i poveri: le zone riflettevano solo aree densamente popolate. Ma resta il fatto che gli arrondissement più ricchi hanno più margini di manovra, letteralmente. Fatto che ha fatto infuriare moltissimi parigi.

Parigi non si è del tutto ripresa dal dolore del lockdown. I controlli di polizia effettuati durante la chiusura totale sono stati rafforzati nella periferia nord a tal punto che il Difensore dei diritti ha avvertito delle "disuguaglianze sociali e territoriali" aumentate durante la reclusione. E la rabbia non è andata via; sembra che stia bollendo come una pentola a pressione pronta ad esplodere. Parigi ha tante faccie e diversita’. Ma alcune zoen restano piu’o meno le stesse. Montmartre appare ancora come una cartolina romantica che i turisti sognano, anche se hanno la sua famosa scalinata teatro di raduni e’ vuota da quando la polizia vi ha vietato gli assembramenti. L'ufficio turistico dell'Île-de-France afferma che quest'anno mancano 16 milioni di turisti, fatto che ha causato ai proprietari di ristoranti l’incasso della metà del loro reddito.

Su eleganti viali, le chambres de bonne - piccole stanze sotto il tetto, costruite per la servitù e ora sede di affittuari a basso reddito - hanno le finestre spalancate. Qualche piano più in basso, le persiane nella maggior parte degli appartamenti borghesi sono chiuse. Molti proprietari sono partiti per le loro case di campagna in Normandia durante il primo picco della pandemia; ora si dice che la Bretagna sia la destinazione alla moda per le sue temperature fresche. Anche dopo che il caldo si plachera’, potrebbe passare molto tempo prima che Parigi possa tornare a respirare.

MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome