Dopo che la crisi globale ha messo a dura prova la vita dei paesi europei e della politica Ue si apre a Bruxelles, in vista dell’ autunno, una nuova stagione di confronti in cui diverse questioni politiche saranno all’ordine del giorno di commissione e Parlamento. La riforma dell’emigrazione, la gestione del dopo Brexit, la questione dei giganti tecnologici Google, Facebook, la riforma climatica e la riduzione dei gas serra e infine l’approvazione del bilancio Europeo che dará il via al fiume di aiuti tanto attesi dagli stati membri.

Insomma un autunno caldo e questo senza affrontare nemmeno tutta la problematica legata al Coronavirus, e alla gestione dei vaccini. Primo fra tutti in ordine di importanza e di urgenza l’approvazione del nuovo bilancio. L'attuale quadro di bilancio dell'UE termina il 31 dicembre e, nonostante lo storico accordo avvenuto a luglio tra i leader dell'UE in un vertice maratona, il finanziamento per il prossimo ciclo di sette anni non è ancora assicurato.

Il bilancio 2021-2027 necessita dell'approvazione del Parlamento europeo, mentre i parlamenti nazionali sono tenuti a ratificare il fondo di recupero dell'UE da 750 miliardi di euro che verrebbe istituito prendendo in prestito contro i contributi nazionali. Mentre il Consiglio e il Parlamento avviano i colloqui per ottenere un accordo globale sul bilancio, i parlamentari e i funzionari dell'UE stanno già lavorando a molti pezzi di legislazione, non ultimo un disegno di legge su come spendere 673 miliardi di euro del fondo di recupero dell'UE. progetti per la ripresa economica dalla crisi - i cosiddetti piani nazionali di ripresa - che devono presentare per accedere ai fondi di ripresa dell'UE.

Queste avranno bisogno dell'approvazione della Commissione e del sostegno della maggioranza qualificata in Consiglio. Date chiave: i colloqui sull'accordo sul QFP proseguiranno l'11 e 18 settembre; sebbene il Parlamento non possa votare fino a ottobre. Se non ci sarà un accordo entro il 1 ° gennaio, l'UE dovrà affrontare una situazione problematica: secondo la legge del blocco il bilancio verrebbe rinnovato ma senza nuovi programmi di spesa - e senza uno dei suoi attuali grandi contributori netti, il Regno Unito. Altra questione importantissima: il clima.

L'UE ha fatto promesse molto pubbliche sul clima, ma i prossimi tre mesi saranno cruciali per mantenerle. I funzionari sperano di adottare una legge sul clima, che renderebbe legalmente vincolante l'obiettivo del blocco di essere neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Allo stesso tempo, la presidenza tedesca del Consiglio supervisionerà i difficili negoziati sull'innalzamento dell'obiettivo climatico 2030 dell'UE.

L'obiettivo attuale è quello di ridurre le emissioni di gas serra del 40% rispetto ai livelli del 1990, ma la Commissione ha promesso di prendere in considerazione la possibilità di aumentarle fino al 55% come parte della sua agenda verde. Dovrebbe elaborare un piano per aumentare l'obiettivo a fine settembre. Molto dipenderà da questi calcoli: in base all'accordo sul clima di Parigi, i paesi dovrebbero presentare impegni di riduzione delle emissioni aggiornati e idealmente più elevati quest'anno.

L'UE desidera mantenere la sua immagine globale; e se la valutazione della Commissione suggerisse che l'aumento dell'obiettivo per il 2030 al 55% può essere fatto senza troppi problemi economici, l'entusiasmo per un obiettivo più alto potrebbe crescere, anche negli angoli più conservatori. Date chiave: la proposta della Commissione per un obiettivo per il 2030 è prevista a metà -Settembre.

Il Parlamento dovrebbe votare la legge sul clima - compresa la sua posizione sull'obiettivo del 2030 - all'inizio di ottobre. Tra i principali problemi che Parlamento e Commissione dovranno affrontare c’e sicuramente la questione della riforma o contenimento dell’emigrazione. La tanto attesa proposta della Commissione per la riforma della migrazione dovrebbe essere presentata alla fine di settembre dopo ripetuti ritardi. La regolamentazione in materia di asilo è una delle questioni più delicate nella politica europea, che mette a dura prova l'UE dal 2015 e l'argomento non è meno delicato adesso. I diplomatici affermano che la nuova proposta affronterà tutti gli aspetti più problematici, tra cui una sorta di meccanismo di ridistribuzione per richiedenti asilo; una procedura più forte alle frontiere per valutare le richieste di asilo; e la responsabilità dei paesi per le richieste di asilo.

Attualmente il criterio più frequentemente applicato è l'ingresso irregolare, il che significa che il paese attraverso il quale il richiedente asilo è entrato per primo nell'UE è responsabile dell'esame della domanda di asilo. Ma i paesi costieri del sud affermano che ciò pone loro un peso ingiusto, mentre i paesi orientali dovrebbero mostrare solidarietà. I paesi dell'Est si dicono pronti a farlo, ma non in una forma obbligatoria Date chiave: la strategia è prevista entro la fine di settembre e sarà discussa dai ministri degli interni dell'UE nelle riunioni di ottobre e dicembre.

Il commissario Ylva Johansson e Margaritis Schinas, il vicepresidente della Commissione il cui portafoglio include la migrazione. Altra questione cruciale e’la finanza sostenibile e le regole di accesso agli investimenti green da stabilire. La Commissione ha affermato che la nuova strategia di finanza sostenibile in arrivo nel 2020 sarà più ampia, prendendo di mira gli investimenti in progetti sociali e la biodiversità come due esempi. Includera’ un inasprimento delle cosiddette regole di tassonomia, concordate quest'anno per classificare le attività economiche sostenibili a fini di investimento.

Verranno stabiliti nuovi standard ed etichette per le obbligazioni verdi per i fondi di investimento. Verra costituita una banca dati dell'UE per confrontare le credenziali ecologiche delle aziende. Mentre i governi nazionali e l'UE investono miliardi di euro nella ripresa della pandemia, Bruxelles vuole, in particolare, controllare questi investimenti e il loro impatto. L'industria finanziaria afferma che Bruxelles rischia di fissare un livello troppo alto per gli standard ecologici. Ma la Commissione ribatte che anche se inizialmente si qualificheranno troppo pochi prodotti bancari e investimenti, ciò provocherà un cambiamento. E questo e cio che e’piu’importante.

Possibili ricadute della Brexit sono sul tavolo delle discussioni autunnali a Bruxelles.I colloqui su un futuro accordo commerciale tra l'UE e il Regno Unito si sono trasformati in un gioco di parole, aumentando le possibilità di un risultato senza accordo entro la fine dell'anno, quando il periodo di transizione concordato come parte del pacchetto sul “divorzio” giungerà al termine Le due parti restano in un vicolo cieco su varie questioni, la più spinosa sono le cosiddette regole di parità di condizioni, progettate per evitare che il Regno Unito in futuro metta sotto quotazione l'UE e la pesca. E sebbene ci siano stati progressi su altri aspetti dei negoziati, l'UE insiste sul "parallelismo", bloccando i progressi in un settore finché non ci sono progressi in altri per impedire una serie di mini-accordi a vantaggio del Regno Unito.

L'UE e il Regno Unito devono giungere a un accordo sulle loro future relazioni entro ottobre in modo che possa essere ratificato prima del 31 dicembre. Vi sono ora contatti continui tra Bruxelles e Londra tra i cicli formali di colloqui. Nel frattempo, la Commissione sta preparando una legislazione di emergenza nel caso nessun accordo è stato concordato. Ma vuole aspettare almeno fino al vertice del Consiglio europeo di fine settembre prima della pubblicazione, per evitare di suggerire di aver perso fiducia nei negoziati.

Date chiave: i funzionari dell'UE dichiarano il prossimo round formale di colloqui a Londra nella settimana di settembre 7 sarà fondamentale per escludere uno scenario senza accordo entro il 31 dicembre. Per concludere un accordo entro la fine dell'anno, l'UE e il Regno Unito devono raggiungere un accordo entro il vertice del Consiglio europeo del 15-16 ottobre. I funzionari dell'UE e del Regno Unito sperano che il coinvolgimento dei leader nazionali e dell'UE - il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, tra gli altri - possa prevenire uno scenario peggiore. Alcuni funzionari di entrambe le parti contano anche sulla leadership del cancelliere tedesco Angela Merkel, in quanto la Germania detiene attualmente la presidenza del Consiglio dell'UE. Ma a meno che e fino a quando ciò non accadrà, spetta ancora ai principali negoziatori - Michel Barnier dell'UE e David Frost del Regno Unito - trovare un compromesso nell'ambito dei loro attuali mandati. Altro punto all’ordine del giorno la riduzione della presenza di sostanze chimiche dannose per gli esseri umani senza pero distruggere le grandi aziende chimiche.

Bruxelles vuole ridurre notevolmente i danni causati agli esseri umani e all'ambiente da sostanze chimiche pericolose, ma vuole mantenere le sue industrie forti. Questa tensione sta causando problemi per un grande ripensamento della politica chimica dell'UE a causa di questo autunno. Una bozza iniziale della Strategia per la sostenibilità delle sostanze chimiche, ha cercato di muoversi verso un sistema che impedisca alle aziende di inserire sostanze chimiche dannose nei prodotti luogo, ad esempio modificando il design, piuttosto che cercare di ridurre al minimo l'esposizione quando lo fanno. Ma questo ha fatto scattare un campanello d'allarme nel dipartimento dell'industria della Commissione, provocando una disputa con il dipartimento dell'ambiente su quanto sarà ambiziosa la versione finale ora prevista per ottobre.

La strategia non riguarderà solo le aziende che producono prodotti chimici industriali, ma praticamente tutte le aziende che producono beni in Europa, dai vestiti agli impianti elettrici e ai prodotti per la cura personale. Sempre in autunno si tornera’a parlare dei giganti della tecnologia.La Commissione europea prevede di regolamentare piattaforme come Google, Facebook, Apple e Amazon tramite il Digital Services Act, un pacchetto legislativo previsto entro la fine dell'anno. Un atto legislativo "chiarirebbe una serie comune di responsabilità" per le piattaforme come parte dello sforzo per limitare la comparsa di contenuti, prodotti e servizi illegali online - e la Commissione deve decidere se vuole che la legislazione copra anche la disinformazione.Un altro disegno di legge stabilirà regole che limiterebbero il potere delle piattaforme più grandi che spesso fungono da guardiani tra imprese e consumatori.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager è preoccupato per il loro duplice ruolo di piattaforma e concorrente delle società che ospitano e ha affermato che Bruxelles sta prendendo in considerazione un elenco di comportamenti vietati come l'auto-preferenza. Un foglio di accusa secondo cui Amazon ha discriminato i venditori esterni potrebbe rivelarsi influente. Ma coloro che speravano che il tanto atteso verdetto del Tribunale dell'UE sulla multa di 2,42 miliardi di euro della Commissione per Google Shopping arrivasse in autunno, potrebbero dover aspettare più a lungo.

La sentenza non è prevista prima della primavera del prossimo anno, ha detto una persona che ha familiarità con questo tipo di procedura. Date chiave: la consultazione della Commissione si chiude l'8 settembre; Le commissioni per le libertà civili, il mercato interno e gli affari legali del Parlamento europeo votano le rispettive relazioni di iniziativa il 28 settembre; La plenaria del Parlamento si terra’ ad ottobre. Vedremo cosa succedera’.Se tecnologia e nuovi investimenti finanziari “green” tengono banco in UE, altrettanto importanti e degne di attenzione le riforme dei fondi agricoli.

La presidenza tedesca del Consiglio, infatti, mira a concludere (finalmente) una riforma del gigantesco regime di sussidi alle aziende agricole dell'UE, la politica agricola comune, entro il 2021, mettendo a tacere i negoziati che si trascinano da due anni, ma reinventare la PAC è politicamente permaloso mentre Bruxelles cerca di bilanciare gli interessi degli agricoltori le cui entrate sono state schiacciate dalla crisi del coronavirus e i nuovi obiettivi del blocco per affrontare il cambiamento climatico, che probabilmente significano nuove condizioni ambientali per gli agricoltori per accedere ai finanziamenti. non sarà facile dato il numero di questioni aperte, che vanno dalla cosiddetta architettura green del regime ai meccanismi di governance. In ogni caso, il nuovo regime non sarà pronto in tempo per il lancio dal 1 ° gennaio, il che significa che la Commissione ha proposto una cosiddetta legge passerella per garantire che gli agricoltori possano continuare a essere pagati.I ministri dell'UE vogliono che questo periodo di transizione duri due anni, ma la Commissione afferma che più di un anno potrebbe ritardare l'inizio dei nuovi programmi ecologici della PAC. Se l’agricoltura merita una profonda riforma il rafforzamento del commercio Ue merita un capitolo a parte.

Bruxelles continuerà a costruire nuove difese commerciali per rispondere al protezionismo del presidente Trump. Urge una legge per regolamentare la questione. Legge che consentirebbe all'UE di reagire con maggiore forza e rapidità nelle guerre commerciali. Infine sul tavolo delle discussioni UE la questione coronavirus e la gestione dei vaccini. Non è stato ancora trovato un vaccino contro il coronavirus praticabile, ma ciò non ha impedito ai paesi di acquisire dei preordini. Ciò ha costretto i responsabili politici dell'UE a un nuovo ruolo che li vede in competizione con il mondo per gli eventuali accordi farmaceutici da stipulare. Bruxelles ha liberato più di 2 miliardi di euro a giugno e ha trasferito l'esperta negoziatore commerciale Sandra Gallina al dipartimento della salute per prendere l'iniziativa.

Il blocco inizialmente è rimasto indietro quando gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno annunciato i primi accordi con vari produttori; ma alla fine di agosto, la Commissione europea aveva firmato un accordo per l'acquisto di vaccini con AstraZeneca e ha raggiunto accordi provvisori con altri quattro produttori (Sanofi / GSK, Johnson & Johnson, CureVac e Moderna). I funzionari della Commissione sono sotto stretto controllo mentre cercano di ottenere più accordi e ratificare quelli provvisori. I gruppi sanitari stanno spingendo affinché l'Europa ottenga un prezzo equo per i futuri vaccini e non lasci le aziende fuori dai guai se qualcosa dovesse andare storto. Si profila un autunno davvero intenso per funzionari e parlamentari europei.

di MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome