Movimento 5 Stelle (Depositphotos)

Sono euforici i Grillini perché – a loro dire – hanno raggiunto un risultato storico con il taglio dei Parlamentari. Ma quando andranno a discutere e probabilmente a dividersi tra le mura domestiche si renderanno conto che non hanno niente di cui gioire. In specie se analizzeranno i dati delle regionali.

"E’ un partito che non c’è più", tuona qualcuno che non è di destra. "Esultano sulla loro tomba", sibila qualcun altro. È giusto riconoscerlo. Il referendum ha dato ragione alla madre delle battaglie dei pentastellati. Però è altrettanto vero che non è una vittoria esclusiva. Il cappello sul taglio dei Parlamentari lo avevano messo tutte le forze politiche. Lo dimostra il fatto che il 97 per cento tra deputati e senatori si erano pronunciati per il sia questa drastica riduzione.

Confessiamolo: il tutti assieme aveva lo scopo di voler essere protagonisti di una vittoria demagogica. Perché nessuno voleva favorire una spesa consistente che pagava sempre Pantalone, cioè il contribuente. Così quando si è arrivati al voto del 20-21 settembre molta gente ha scritto Si sulla scheda perché era in fondo un atteggiamento di rappresaglia contro lo strapotere politico. Pensiero comune: "Diamogli addosso a questi uomini del Palazzo che guadagnano tanto senza risolvere i tanti problemi che assillano il Paese".

In questo modo i favorevoli alla riduzione hanno raggiunto il 70 per cento delle preferenze subendo comunque un calo vistoso se andiamo a vedere quello che era successo a Montecitorio e a Palazzo Madama. Ora, dunque, i Grillini esultano, ma non hanno fatto i conti con i risultati usciti dalle urne. È stato un flop disastroso per il Movimento di Grillo. I numeri dicono che in Toscana il candidato 5Stelle ha ottenuto il 7,1 dei consensi; nelle Marche l’11; in Veneto il 3,6; in Campania il 10,6; in Puglia il 10,81, mentre in Liguria in cui Pd e pentastellati avevano stretto un patto di ferro, Ferruccio Sansa è stato stracciato dal governatore uscente Giuseppe Toti che lo ha distanziato di circa 15 punti. Tra M5s e liste per Sansa Presidente arrivano al 17,5%, contro il quasi 20 del Pd.

Un risultato misero rispetto al passato. Vogliamo dunque chiamarla vittoria questa? Ora il pasticcio è grande se pensiamo che in Parlamento i 5Stelle hanno una forte maggioranza perché così aveva stabilito l’ultimo voto politico. Il che vuol dire avere nelle mani il potere legislativo che appartiene a chi non rappresenta più l’Italia. Se dovessimo fare oggi i conti ben altri sarebbero i "comandanti" del Palazzo. Che fare allora? Sono molti i commentatori che sostengono l’urgenza di andare presto alle urne per dare al Paese il suo aspetto reale. Ma di elezioni nessuno vuol parlare tra i giallorossi. Né dal Colle arriva un ritornello diverso. Così si andrà avanti con una disparità evidente tra chi comanda e chi sceglie di farsi rappresentare. Cioè fra elettori ed eletti.

A meno di singolari sorprese questo sarà l’assetto dell’Italia con i Grillini "a fare da padroni pur se il Paese ha detto più volte no al loro modo di far politica. Stando così le cose, oltre a Nicola Zingaretti, chi esce vincitore dal voto dell’altro giorno è Giuseppe Conte il quale non deve più temere attacchi dalla stessa maggioranza, né dall’opposizione. Oggi troppo debole per pensare ad una spallata. Da qui alla fine della legislatura Pd e 5Stelle dovranno mettersi d’accordo per varare una nuova legge elettorale che li metta al riparo da agguati o sortite che potrebbero ledere il loro potere. Allora, ufficialmente Luigi Di Maio esulta, ma in cuor suo sa che il Movimento è in crisi. Quando gli italiani potranno andare finalmente a votare, i 5Stelle avranno in Parlamento una parte di secondo se non di terzo piano. In compagnia di Matteo Renzi. Chi era costui?

di BRUNO TUCCI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome