Le restrizioni causate dal Covid-19 hanno completamente cambiato pagamenti, approvvigionamento diffusione e distribuzione delle droghe illecite. Secondo il nuovo Rapporto sulla droga 2020 divulgato recentemente dall'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), si e’ costituito uno scenario completamente nuovo nel settore.

Prima di tutto sono cambiate completamente le modalita’di distribuzione e diffusione. Per non parlare delle nuove vie di trasporto adottate dalla malavita per far fronte al lockdown totale che ha interessato il settore dei trasporti aerei. Insomma un cambiamento radicale che ha costretto anche le forze dell’ ordine ad adeguarsi. E proprio le restrizioni causate dal Covid-19 potrebbero presentare rappresentare un problema per le forze dell'ordine. Il Rapporto annuale sulla droga 2020 lo evidenzia bene.

In circostanze normali, la relazione fornirebbe una panoramica della situazione della droga in Europa nel 2019, ma, come sottolinea la relazione stessa, a causa della "nuova normalità" che stiamo vivendo e’ stato necessario tenere conto della pandemia per fornire un quadro esaustivo e chiaro della situazione in Europa. Pandemia che si è verificata in un momento in cui la situazione europea della lotta alla droga era caratterizzata principalmente da grandi sequestri di cocaina, cannabis ed eroina spediti via mare o aerea.

Con l’arrivo del coronavirus, molti servizi antidroga hanno dovuto chiudere o limitare gravemente i loro servizi. Allo stesso tempo, le misure di blocco hanno costretto i rivenditori a trovare nuovi modi di operare, tra cui l'utilizzo di applicazioni di messaggistica per ordinare farmaci, applicazioni per ricevere pagamenti e consegne a domicilio nascoste con il pretesto di cibo da asporto per eliminare sostanzialmente il traffico dalle strade. Con il contrabbando aereo praticamente impossibile, la criminalità organizzata si è rivolta completamente al trasporto marittimo, uno sviluppo che probabilmente sarà permanente e rappresenterà un problema per le forze dell'ordine in futuro, poiché anche l'aumento del volume di sequestri su questa rotta può essere piu’ complesso.

"La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto immediato e dirompente sul consumo di droga, sull'offerta di vendita al dettaglio e sui servizi e ha evidenziato le esigenze speciali delle persone che fanno uso di droghe", ha commentato il direttore dell'OEDT Alexis Goosdeel. "Mentre l'impatto a lungo termine della pandemia resta da valutare, a breve termine stiamo già notando cambiamenti, come un maggiore interesse per l'uso delle tecnologie digitali nel mercato della droga e l'innovazione nel trattamento della droga attraverso e- -soluzioni sanitarie ".

Esiste il pericolo, tuttavia, che le ripercussioni economiche della crisi possano portare le persone a diventare più vulnerabili ai problemi di droga." È essenziale quindi agire rapidamente per identificare e affrontare le nuove minacce che possono emergere da questa situazione in rapida evoluzione", ha detto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome