La Spagna è nuovamente piombata nell'incubo covid (Depositphotos)

Si colora di rosso la mappa dell’Europa fornita dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo (ECDC). Rosso intenso, che significa che quei paesi hanno superato la soglia di 120 infezioni confermate ogni 100.000 abitanti nelle ultime due settimane. Un dato preoccupante che indica in sostanza come il vecchio continente sia flagellato dalla seconda ondata del virus. Preoccupati i paesi interessati che sanno di dover correre ai ripari quanto prima, per evitare la saturazione degli ospedali ed inutili morti.

Il rapporto dell’ECDC evidenzia con quanta velocita’ stiano aumentando i contagi. Dopo che nove paesi, incluso il Belgio, sono diventati "rossi" sulla mappa, da diversi giorni o settimane anche il Regno Unito è diventato rosso. Preoccupa la situazione di quattro paesi che pur non avendo ancora superato i 120 contagi confermati ogni 100.000 abitanti sono a rischio. Questi ultimi sono entrati in preallarme. La Romania con 116 casi, l’Austria con 114 casi , la Slovacchia con 106 casi e infine l’Irlanda con 105. Ma il dato serio riguarda appunto molti paesi europei che in pochi giorni sono passati in uno stato di massima allerta. Nell'ultimo aggiornamento dell’ente europeo si sono aggiunti: Spagna con 319 casi ogni 100.000 abitanti nelle ultime due settimane, la Repubblica Ceca con 303 casi su 100.000 abitanti, la Francia con 245 casi, i Paesi Bassi con 231casi, il Belgio con 206 casi, il Lussemburgo con 161casi, l’Islanda con 158 casi, l’Ungheria con 129 casi ed infine la Danimarca, tra i paesi piu’ virtuosi con 128 casi.

Questi paesi sono in stato di massima allerta e gia hanno cominciato ad attuare le prime misure di semi lockdown. Gia sono cominciate le misure di restrizione di mobilita’ con coprifuoco e chiusura completa di bar e luoghi di aggregazione. Molto seria la situazione in Francia. Parigi chiude i bar e aumenta le restrizioni mentre i casi di coronavirus aumentano in maniera esponenziale. La capitale francese limiterà le riunioni pubbliche poiché i tassi di infezione non accennano a diminuire e il rischio di saturazione di ospedali e’ un rischio che i parigini non vogliono correre. Il governo del Paese ha confermato, nei giorni scorsi, che il livello di allerta in citta’e’ stato largamente superato ed ha messo in campo tempestivamente misure restrittive. Misure simili sono state adottate nella città di Marsiglia, che il 26 settembre ha chiuso bar e ristoranti nel tentativo di combattere la diffusione del virus. Le nuove restrizioni rimarranno in vigore per quindici giorni a Parigi e nei tre dipartimenti della periferia interna.

Ristoranti e bistrot a Parigi saranno autorizzati a rimanere aperti se saranno in grado di mettere in atto misure sanitarie adeguate, tra cui la registrazione dei dati di contatto dei clienti e la chiusura alle 22:00. I ristoranti a Marsiglia e nella vicina Aix-en-Provence potranno riaprire solo in base alle nuove misure. Anche le fiere, i congressi e le fiere saranno vietate a Parigi, ha annunciato il prefetto della polizia di Parigi Didier Lallement. Le palestre saranno chiuse, ma rimarranno aperti luoghi come teatri, cinema e musei, ha aggiunto. In particolare le piscine saranno chiuse agli adulti, ma rimarranno aperte ai minori; le strutture all'aperto, inclusi stadi e campi di allenamento, rimarranno aperte con una capacità limitata di massimo 1.000 persone; la capacità sarà limitata nei centri commerciali e nei grandi magazzini;gli studenti universitari vedranno le aule limitate al 50% della capacità. Le persone nella regione dell'Île-de-France sono state incoraggiata a lavorare da casa per ridurre i contatti sul posto di lavoro.

Il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha esortato i residenti a impegnarsi a seguire le nuove misure per tutti i 15 giorni in modo che le aree "democratiche, economiche, culturali, sociali e sportive" della vita delle persone potessero tornare. Ha detto che i parigini devono "lavorare insieme per proteggere i più fragili" compresi gli anziani, i disabili, coloro che non hanno un ambiente familiare sicuro e le persone isolate. "Siamo una città che dipende dagli scambi internazionali e dal turismo", ha detto Hidalgo, aggiungendo che la situazione economica della capitale francese si è gravemente deteriorata. Dall'inizio della crisi COVID-19 nel marzo di quest'anno, almeno 32.230 persone in Francia che hanno contratto il virus sono morte.

Nel Regno Unito ancora un brusco aumento dei contagi: le autorità, hanno registrato 14.542 nuovi casi in 24 ore, circa 2.000 in più rispetto al giorno precedente. I casi complessivi sono oltre 530.000. Resta molto seria la situazione in Belgio dove gli esperti scienziati registrano un imminente aumento delle morti per coronavirus mentre il paese deve affrontare un aumento costante dei ricoveri. Nelle ultime settimane infatti, le morti giornaliere di coronavirus in Belgio hanno raggiunto circa 10 al giorno, il che mostra un aumento significativo, secondo l'esperta di malattie infettive Erika Vlieghe."Più il virus circola, più le persone vulnerabili si ammaleranno, saranno ricoverate in ospedale, finiranno in terapia intensiva e forse alla fine moriranno. Man mano che più persone vengono ricoverate, il numero di decessi aumenterà. È così che funziona un'epidemia ", ha dichiarato la Vlieghe. I commenti di Vlieghe si uniscono a quelli del virologo Marc Van Ranst che ha detto di aspettarsi che presto dozzine di persone moriranno di coronavirus in Belgio.Van Ranst, che ha parlato durante la crisi, ha avvertito di una situazione di "deragliamento" e ha lanciato un avvertimento simile sul futuro del paese."Entro pochi giorni ci saranno 1.000 pazienti Covid negli ospedali. Entro pochi giorni, dozzine di persone al giorno muoiono di nuovo a causa di Covid. Questo è il problema. Le dichiarazioni degli esperti arrivano mentre gli ospedali di Bruxelles stanno iniziando a lottare sotto la pressione causata dalla pandemia in corso. Nonostante i malati di coronavirus occupino meno letti rispetto ai mesi precedenti, la situazione a Bruxelles è ancora disastrosa, ha detto Elisabeth De Waele dell'UZ Brussel.

"Al momento ci sono già persone con tumori al cervello che sono state riprogrammate perché semplicemente non abbiamo un letto disponibile in terapia intensiva. Non riusciamo più a farcela ", ha spiegato De Waele. Il numero totale di casi confermati in Belgio dall'inizio della pandemia è 132.203. Il totale riflette tutte le persone in Belgio che sono state infettate e include casi attivi confermati e pazienti che da allora si sono ripresi o sono morti a causa del virus. Il numero di riproduzione (Rt) del Belgio è attualmente 1,19, secondo i dati di Sciensano, il che significa che una persona infetta in media infetta più di un'altra persona e che la pandemia è ancora in crescita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome