Un ponte e parte di un’autostrada sono stati fatti saltare in un attentato da miliziani dell’Eln, l’Esercito di liberazione nazionale, un’organizzazione di stampo marxista attiva in Colombia. Le esplosioni sono avvenute nel nord del paese, nel dipartimento di Cesar, e non hanno provocato vittime, anche se il danneggiamento dell’asse stradale ha causato un maxi-tamponamento che ha coinvolto centinaia di auto a Curumani.

Il governo, per bocca del ministro della Difesa Luis Carlos Villega, ha annunciato una vasta operazione di rappresaglia ed ha assicurato che presto le infrastrutture saranno rimesse in funzione. I colloqui di pace tra governo ed Eln, un’organizzazione considerata terroristica da molti paesi e ancora più imprevedibile e instabile delle Farc, sono stati sospesi lo scorso 29 gennaio dal presidente Juan Manuel Santos dopo l’uccisione di sette poliziotti.