Uno dei punti di maggior discussione nell’ambito delle ormai ventennali trattative per la sottoscrizione di un accordo di libero scambio tra Mercosur e Unione Europea è rappresentato dal vino.

Lo ha rivelato il ministro dell’agricoltura del Brasile, Blairo Maggi, intervenuto al decimo summit dei Brics di Johannesburg. “Sia Argentina che Uruguay vogliono mercati liberi, noi non possiamo accettarlo perché l’industria è ancora allo stato incipiente”, ha sottolineato il ministro.

“Poiché l’industria del vino in Brasile è costituita da piccoli produttori – ha aggiunto Maggi –  qualsiasi perdita di quote di mercato significa perdita di posti di lavoro. Inoltre, ci sono ancora altri trenta punti su cui stiamo ancora discutendo”.