Il presidente dei Biologi, Vincenzo D'Anna

Non è stato, purtroppo, ancora identificato l'agente patogeno che ha dato vita all'infezione endemica che ha provocato più di un centinaio di casi di polmonite e alcuni decessi nel Bresciano. Lo rende noto, in una nota, l'Ordine nazionale dei Biologi, il quale, "fermo restando il doveroso rispetto che si deve alle istituzioni sanitarie preposte ad intervenire nella specifica circostanza", ha deciso di costituire una "task force da mettere a disposizione di tutti gli enti locali, dei consorzi idrici e di chiunque altro ritenesse necessario avvalersi della gratuita consulenza dei propri esperti", come dichiarato dal sen. Vincenzo D'Anna, presidente dello stesso Ordine.

LA COMPOSIZIONE DELLA TASK FORCE
"Della task force - ha spiegato D'Anna - faranno parte il professor Antonio Toniolo, microbiologo, professore di Microbiologia Medica dell'Università dell'Insubria a Varese; il professor Marco Guida, igienista, docente di Igiene Generale e Applicata all'Università Federico II di Napoli e la dott. Antonietta Gatti, ricercatrice, esperta in materia di inquinamento da polveri sottili".