Giuseppe Conte (Depositphotos)

Ha ragione Conte, l’Umbria non è l’Italia. L’Umbria è l’Umbria, cioè la regione più rossa d’Italia, quella dove al ballottaggio nelle elezioni locali, andavano il candidato di un partito di sinistra e quello di uno della estrema sinistra. La regione degli operai delle acciaierie di Terni, guidati da sindacalisti più duri dei metalmeccanici di Mirafiori o Pomigliano. La regione delle centinaia di Case del Popolo dove si discuteva di politica. Quella dei think tank delle Università progressiste e dei grandi convegni internazionali.

Il pessimo esito elettorale in Umbria, per la sinistra, è stato ancora più significativo di una sconfitta in una consultazione nazionale. Minimizzarne l’importanza, come ha fatto Conte, insistendo solo sul dato numerico dei votanti (meno di un milione) è stato l’ennesimo errore di questa coalizione raccolta solo in funzione anti-Salvini, peraltro composta per più della metà dagli stessi che con Salvini governavano fino a ieri. Inutile nasconderlo, il problema della sinistra è soprattutto culturale. Perdere in Umbria, Toscana, Emilia, Marche, non è come perdere in Sicilia o in Lombardia.

In Centro Italia la sinistra perde la sua storia prima che la guida delle realtà locali. L’Italia è governata anzitutto sui territori. Le scelte politiche nazionali devono essere tradotte a livello territoriale. Le illuminate tradizioni di buon governo della sinistra degli enti locali si sono perse. Ma non sono andate smarrite le necessità delle classi lavoratrici. E se la sinistra passa più tempo a confrontarsi con i consigli di amministrazione di Banche e Multinazionali, facendo scomparire i luoghi del confronto che in quelle realtà erano rappresentati dai circoli o dalle sedi del Partito, prima o poi troverai uno come Salvini che in 20 giorni batterà palmo palmo l’80% dei 92 comuni dell’Umbria. Con i risultati che si sono visti.

Il leader della Lega lo rifarà anche in Emilia, Calabria, Marche, Puglia. E la sinistra continuerà a non accorgersi di aver smarrito il senso della sua funzione stessa. Salvini aggredirà il territorio. Ascolterà la gente. Si mescolerà a loro senza paura di stropicciarsi la camicia bianca. Mentre Giuseppe Conte, in pochette e abito sartoriale, sceglierà il suo prossimo maglioncino di cachemire da qualcun altro dei tanti Brunello Cucinelli che ci sono anche in Emilia, Toscana, Calabria

ANTONIO BUTTAZZO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome