(foto depositphotos)

La sospensione per motivi di prevenzione sanitaria dei colloqui per l’epidemia coronavirus ha fatto scattare pesanti rivolte in 27 carceri d’Italia. Sarebbero 6 finora le vittime degli scontri, tre a Modena. A Pavia rivolta totale: sequestrati due agenti di polizia penitenziaria, con i detenuti che – dopo aver sottratto le chiavi delle celle di detenzione – hanno liberato decine di carcerati. I due sono stati liberati nella notte: uno è il comandante della polizia penitenziaria della struttura Torre del Gallo. Gravi disordini negli istituti di San Vittore (Milano) e Rebibbia (Roma).

A Modena, oltre alle vittime, sono stati registrati ingenti danni all’edificio ed è stata aperta un’inchiesta per resistenza a pubblico ufficiale e violenza privata. Gran parte dei detenuti è stata trasferita in altre strutture.

A Foggia è far west: i detenuti evasi dalle strutture sono in giro per la città e seminano il panico. Assaltati negozi, derubate auto e vandalizzato il paese. I carcerati girano in auto rubate e alcuni di questi sono armati.