Depositphotos

Il primo ministro islandese, Katrín Jakobsdóttir, ha annunciato che riaprirà i suoi confini a tutti i viaggiatori entro il 15 giugno. Da quella data, ai viaggiatori che arrivano a Keflavik, l'unico aeroporto internazionale, verrà offerto un test di coronavirus come modo per evitare di dover autoisolarsi. In base alle normative vigenti, il viaggio in Islanda al di fuori dell'area Schengen è vietato e chiunque provenga dall'area Schengen deve autoisolarsi per 14 giorni. I passeggeri che si rifiutano di sostenere un test o che non sono in grado di produrre un certificato medico attestante la loro assenza di infezione da coronavirus dovranno recarsi in quarantena per due settimane, secondo una dichiarazione ufficiale. Il governo islandese ha anche affermato che probabilmente ai viaggiatori in arrivo verrà richiesto di scaricare un'applicazione di tracciamento, già utilizzata dal 40% della popolazione e che ha fatto parte della risposta ufficiale del governo alla pandemia."L'app è stata sviluppata seguendo i più severi standard di privacy, con i dati sulla posizione memorizzati localmente sul dispositivo dell'utente a meno che non vengano rilasciati a scopo di tracciamento in caso di infezione", ha dichiarato l'ufficio del primo ministro.L'annuncio di Jakobsdóttir ai giornalisti nella capitale Reykjavik è arrivato quando la nazione insulare non ha riportato nuovi casi del nuovo coronavirus (Covid-19) per il quinto giorno consecutivo. Dieci persone sono morte a causa del virus finora in Islanda, su 1.801 casi confermati dagli ultimi dati del 13 maggio. Al fine di contenere la pandemia, l'Islanda ha implementato una strategia di sperimentazione completa e attualmente guida il mondo nel numero di test effettuati per 1.000 abitanti, dopo aver testato oltre 160.000 persone all'11 maggio, su una popolazione di 364.000. I test sono iniziati un mese intero prima che il primo caso fosse confermato nella nazione insulare alla fine di febbraio e, da gennaio, tutti i viaggiatori in arrivo dall'estero sono stati tenuti in quarantena per due settimane.