(Depositphotos)

"Torneremo al completo Schengen entro la fine del mese di giugno", ha dichiarato ieri il commissario agli Affari interni Ylva Johansson. L'area di viaggio gratuita, composta da 22 paesi dell'UE più Svizzera, Norvegia, Islanda e Lichtenstein, non e’attiva da quando i paesi si sono affrettati a reintrodurre i controlli alle frontiere per fermare la diffusione del coronavirus. Johansson, ha esposto ampiamente la questione in una conferenza stampa virtuale a seguito di una riunione anche questa virtuale dei ministri degli affari interni dell'UE. La commissaria ha affermato che molti paesi dell'UE hanno appoggiato il piano, ma ha riconosciuto che "c'erano anche alcuni Stati membri che hanno dichiarato di non essere pronti a prendere quella decisione ora e vogliono seguire ulteriormente questo sviluppo ". La riluttanza maggiore è stata espressa da rappresentanti di Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania e Bulgaria, ha detto un funzionario del Consiglio. La Spagna, dopo aver annunciato unilateralmente che aprirà le frontiere dal 22 giugno, ha dichiarato di voler riconsiderare dopo aver ricevuto contraccolpi dal Portogallo. Il riavvio completo del sistema si è rivelato difficile, con molti paesi che diffidano dall'aprire le frontiere a tutti i loro vicini per paura di importare nuovi casi. "Alla fine della giornata è la decisione di ogni stato membro", ha detto la Johansson. Per i viaggi fuori dal blocco Schengen, la settimana prossima la Commissione proporrà una proroga di due settimane al divieto di viaggi non essenziali nell'UE, il che significa che le restrizioni terminerebbero all'inizio di luglio". Questa idea è stata sostenuto da molti Stati membri. Continueremo a dialogare prima di prendere una decisione definitiva", ha affermato il commissario svedese. Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez e il primo ministro italiano Giuseppe Conte hanno scritto giovedì scorso al presidente della Commissione Ursula von der Leyen sollecitando cautela nell'aprire le frontiere esterne dell'UE e affermando che qualsiasi decisione deve essere coordinata. Intanto uno spiraglio di speranza per tanti cittadini europei bloccati nel mondo che finalmente potranno fare ritorno a casa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome