Tre milioni di morti legati al coronavirus sono stati prevenuti grazie alle politiche di chiusura delle attività e alle rigide misure di quarantena attuate nei diversi paesi europei. I dati vengono direttamente da uno studio dell'Imperial College di Londra. A partire da febbraio e marzo scorso molti paesi europei hanno adottato misure drastiche per contenere la diffusione del virus. Chiusura di negozi, aziende, scuole e il totale blocco dell’industria dell'ospitalità insieme all’obbligo di confinamento delle persone, sono state certamente misure senza precedenti che pero’ sembra abbiano dato i loro frutti. Lo studio dell'Imperial College di Londra, pubblicato sulla rivista scientifica Nature, ha voluto calcolare l'impatto di questi blocchi in 11 paesi europei: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

Il loro calcolo è iniziato il 24 febbraio e si è protratto fino al 4 maggio, quando la maggior parte dei paesi ha iniziato a revocare gradualmente i blocchi. A quel tempo, circa 130.000 morti erano stati registrati in quei paesi a causa del virus. "Questi dati suggeriscono che senza alcun intervento, come blocchi e chiusure di scuole, ci sarebbero state molte più morti per Covid-19", ha detto il ricercatore Samir Bhatt. I ricercatori hanno utilizzato alcuni modelli di malattie altamente infettive per prevedere quanti decessi sarebbero avvenuti senza blocco. In totale, circa 3,2 milioni di persone sarebbero morte entro il 4 maggio se i governi non avessero imposto restrizioni, secondo i calcoli dei ricercatori. Poiché il bilancio delle vittime ufficiale di questi paesi è di circa 130.000, i blocchi hanno salvato circa 3,1 milioni di vite.

È stato anche calcolato il numero di infezioni evitate dalle misure di quarantena, seguendo l'evoluzione del numero di riproduzione, che indica quante persone sono infette da qualcuno che ha già il virus. "Utilizzando un modello basato sui dati relativi al numero di decessi in 11 paesi europei, ci è chiaro che interventi non farmaceutici, come il blocco e la chiusura delle scuole, hanno salvato circa 3,1 milioni di vite in questi paesi", ha affermato il ricercatore Seth Flaxman. "Il nostro modello suggerisce che le misure messe in atto in questi paesi nel marzo 2020 sono riuscite a controllare l'epidemia riducendo il numero di riproduzione e riducendo significativamente il numero di persone che sarebbero state infettate dal virus", ha aggiunto Flaxman.

Prima dell'inizio dei blocchi, il numero di riproduzione per quei paesi era ben al di sopra di 1, il che significa che una persona infetta ha contagiato molti altri ogni volta, consentendo al virus di diffondersi rapidamente. Entro il 4 maggio, tutti i paesi erano riusciti a portare quel numero al di sotto di 1. "Tuttavia, non è vero che questo è quasi finito. Siamo solo all'inizio di questa pandemia ", ha detto Flaxman. Poiché le misure vengono gradualmente allentate, esiste il rischio che il numero di infezioni aumenti nuovamente.

"Questo ci dice di stare molto attenti e di non lasciarci andare troppo in una volta, perché in questo modo non avramo più alcun controllo", ha detto il ricercatore Axel Gandy. "Dobbiamo essere molto attenti, in modo che possiamo tornare ai blocchi e alle chiusure se dovessimo verificare un aumento di morti e dunque un impennata letale dei contagi", ha concluso lo scienziato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome