Donald Trump (foto Depositphotos)

Scaricare la Citizen App in un momento di notevole incremento del crimine a New York forse non è l’idea migliore per chiunque abbia bisogno di un’iniezione di serenità: si tratta di un’applicazione che ti avvisa in tempo reale di tutti i pericoli, i delitti, gli incendi, le rapine, gli omicidi e i misfatti che avvengono attorno a te. Una donna assalita proprio sotto al mio palazzo ieri sera ed un uomo pugnalato nella mia stazione della metropolitana hanno sfatato la mia convinzione di vivere in una delle metropoli più sicure al mondo. Se diversi amici mi consigliano di cancellare l’app per stare più tranquilla, ancora penso che abbia avuto l’importante funzione di aprirmi un po’ gli occhi in questo momento più che delicato. Un sindacato che rappresenta decine di migliaia di membri del New York Police Department (Nypd) ha espresso il suo inusuale sostegno a Trump nelle elezioni, giustificato dal “bisogno di una voce forte in tutto il paese”. Il presidente statunitense ha denunciato una “guerra della sinistra contro la polizia” ed ha evidenziato il bisogno di “ripristinare law and order (legge e ordine)” nelle città, richiamando il sindaco della Big Apple Bill de Blasio per la sua “crociata contro la polizia”. Sparatorie ed omicidi sono aumentati nettamente a New York: secondo dati forniti dall’NYpd, il numero di omicidi avvenuti nel mese scorso è cresciuto del 58% rispetto allo stesso periodo nel 2019. Nei primi sette mesi di quest’anno si è registrato un incremento delle sparatorie del 72% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e gli omicidi sono saliti del 30%. Negli ultimi tempi, si nota una notevole riduzione degli arresti legati all’uso di armi da fuoco. Secondo quanto riporta il New YorkTimes, nella settimana del 24 maggio i “gun arrests” sono stati 113, nella settimana del 7 Rudolph Giuliani insieme a Donald Trump giugno sono passati a 71 e poi a 22 nella settimana del 28 giugno. Nello stesso periodo, le sparatorie sono andate da 23 (settimana del 24 maggio) a 40 (settimana del 7 giugno) per poi raggiungere uno spaventoso 63 nell’ultima settimana in esame. C’è chi potrebbe pensare ad una semi-paralisi della polizia, quasi bloccata dal timore di fare il proprio mestiere. Il sindaco de Blasio ha dichiarato che l’incremento del crimine è dovuto a una “tempesta perfetta di cause”, inclusi l’effetto devastante del Coronavirus sull’economia cittadina ed il rallentamento del funzionamento del sistema della giustizia criminale. Secondo il presidente Trump, un nuovo Rudy Giuliani potrebbe essere la soluzione ottimale per riportare la pace a New York. Giuliani è noto per aver ripulito la città durante il suo mandato da sindaco tra il 1994 ed il 2001. Nonostante gli slogan e i cori dei manifestanti dei Black Lives Matter a favore del “defund the police”, la recente riduzione di circa un miliardo di dollari di fondi destinati alla polizia di New York si sta rivelando deleteria per la sicurezza e l’ordine della città.

VALERIA RUBINO