(foto Depositphotos)

L’avvertimento arriva diretto e forte da Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità. Nonostante il tasso di contagiosità sembra crescere più lentamente, bisogna rilevare che la curva per la resilienza, cioè l’impatto dell’epidemia Coronavirus sui servizi sanitari, sta aumentando e ci si avvicina a soglie di valori critici, in relazione al bisogno di rispondere ai bisogni di salute. Le terapie intensive e i ricoveri in area medica, in particolare, mostrano una curva che cresce rapidamente vicino a soglie critiche. “Sulla base dell'ultimo monitoraggio – ha detto Brusaferro - ci sono 4 regioni che vanno verso rischio alto e nelle quali è opportuno anticipare le misure più restrittive”. Si tratta di Campania, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia, entrate in scenario 4 a rischio moderato con alta probabilità di progressione. Intanto il Viminale ha inviato ai prefetti la circolare del Capo di gabinetto del ministero dell’Interno Bruno Frattasi per intervenire in modo efficace e tempestivo sulla prevenzione degli assembramenti, a seguito dell’elevato numero registrato sul territorio nazionale nell’ultimo fine settimana e delle preoccupanti percentuali di inosservanza dell’obbligo di utilizzo delle mascherine. L’invito è a convocare in via d'urgenza i Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica al fine di  programmare controlli più serrati e concordare con i sindaci l’utilizzo degli strumenti per il contenimento del fenomeno, in vista dei prossimi weekend.