Depositphotos

Storico crollo delle esportazioni Made in Italy negli Stati Uniti dove si registra un crollo del 20,1% determinato dalle difficoltà del commercio internazionale dovute alla pandemia da Covid ma anche per gli effetti delle politiche protezionistiche del Presidente uscente Donald Trump con l’imposizione di dazi a prodotti italiani ed europei.

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat del commercio estero a 0ttobre nei Paesi extracomunitari dal quale emerge che a pesare sul risultato negativo totale (-2,6%) è l’andamento negli Stati Uniti che sono il principale partner commerciale dell’Italia fuori dai confini comunitari. L’andamento negativo delle esportazioni nazionali oltre che dall’emergenza Covid è fortemente influenzato dalle guerre commerciali come dimostra anche il crollo del 18,4% delle esportazioni in Russia dove è in vigore l’embargo per una lunga serie di prodotti alimentari mentre in Gran Bretagna si sentono gli effetti della tensioni sulla Brexit con un calo del 14,6%.

“In un momento drammatico per l’economia e l’occupazione mondiali occorre sostenere la via del dialogo per evitare scenari inediti e preoccupanti e prepararsi a sostenere la ripresa” ha concluso il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “l’elezione di Joe Biden apre nuove prospettive che l’Unione Europea deve essere in grado di cogliere”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome