(foto Depositphotos)

Trent'anni fa accadeva la strage del Pilastro, borgo alla periferia di Bologna dove, il 4 gennaio del 1991, in un tremendo agguato, furono trucidati tre carabinieri di vent'anni, massacrati dai sicari di quella che passò alle cronache come la banda della "Uno Bianca". Domani, lunedì, nello stesso posto, sarà officiata una cerimonia in ricordo delle tre vittime.
L'APPELLO DEL FRATELLO DI UNO DEI MILITARI UCCISI
Andrea Moneta, Mauro Mitilini e Otello Stefanini
, questi i loro nomi, furono trucidati sotto una pioggia di 222 proiettili esplosi dagli assassini. Oggi, a distanza di 30 anni da quei tragici fatti, Ludovico Mitilini, fratello di Mauro, chiede di riaprire le indagini perché è convinto che alla ricostruzione della vicenda manchino pezzi importanti. "Siamo di fronte a una verità monca, con molti lati oscuri da chiarire" ha detto l'uomo.