Luca Ventre
Sulla morte del 35enne Luca Ventre, ribadiamo, è bene che a fare chiarezza siano le magistrature uruguaiane e italiane. In questo momento è giusto ed è davvero il minimo che la famiglia dell'uomo possa sapere cosa è successo al proprio familiare. Ma crediamo fortemente che in questa storia l'Ambasciata italiana di Montevideo - che viene troppo spesso tirata in ballo - non abbia nessuna responsabilità.
E lo diciamo noi de 'La Gente d'Italia' che mai siamo stati teneri con questa istituzione come avete avuto modo di constatare nel corso della nostra storia editoriale. Anzi, tutt'altro che rosa e fiori i nostri rapporti con la struttura di via José Benito Lamas. 
Ma per amore della veritá in questa vicenda, secondo noi, l'Ambasciata c'entra proprio nulla. Per una serie di motivi. Non mettiamo in dubbio, e ci mancherebbe altro, pensare che Luca possa essere stato minacciato da qualcuno negli ultimi tempi e che lui abbia tentato di chiedere aiuto proprio in Ambasciata.
Ci sta, indubbiamente. Il passaggio è quello giusto. Ma perché scavalcare, alle sette di mattina (primi dubbi: il video trasmesso dal Tg3 mostra un orario diverso da quello dichiarato, e cioé le 7 e 14, perché non le 7 e 04 come viene da piú parti confermato? Esistono due differenti video????). E ancora:  Luca sa benissimo che in un giorno festivo, era il 1 gennaio, il Consolato é chiuso.....,
Punto terzo: perché scavalcare il cancello per cercare di entrare non dove stanno gli uffici, ma in uno spazio privato destinato esclusivamente alla residenza dell'Ambasciatore stesso, cioé dall'altra parte dove é ubicata la Cancelleria consolare?  Perché poi tentare la fuga e non dichiarare apertamente di essere lì per essere ascoltato e aiutato e che non si sarebbe mosso di lì fino all'arrivo dell'ambasciatore? 
Non è assolutamente nostra intenzione difendere il poliziotto "deputato alla protezione delle sedi diplomatiche"  conferma la Farnesina,  
( spiegando la sua presenza nel cortile e non negli uffici)  che anzi, per noi, ha sbagliato decisamente quando ha optato per immobilizzarlo non con le canoniche manette, ma in maniera decisamente più forte, in pratica bloccandolo a terra per diversi minuti.
Però vedere un estraneo che entra in una proprietà privata, con lo zainetto in mano, di certo avrà allarmato, e non poco, il tutore dell'ordine (è bene specificare che in altre zone del mondo, ci riferiamo alle ambasciate Usa, di Israele,  Gran Bretagna, Russia....si sarebbe arrivati facilmente all'abbattimento o al ferimento dello scavalcante tramite colpi di pistola). Insomma, all'azione (lo scavalcamento del cancello) è succeduta una reazione (il blocco di Ventre). Per i suoi familiari, Ventre è venuto a mancare proprio lì, in Ambasciata, vittima della reazione troppo violenta del poliziotto.
Un'altra versione invece ipotizza una morte avvenuta all'Hospital de Clinicas, dove è stato portato successivamente l'immobilizzazione. Questa, in pratica, la cronaca dei fatti, che ha portato all'apertura di un procedimento in cui s'ipotizza il reato di omicidio preterintenzionale a carico di ignoti. Di certo a fare chiarezza sarà l'autopsia sul corpo di Luca che dovrebbe avvenire anche in Italia e ancora di più le indagini coordinate dal pm Sergio Colaiocco, che ha affidato ai carabinieri del Ros una delega per svolgere alcuni accertamenti. Se qualcuno avrà sbagliato, è giusto che pagherà il proprio dazio alla giustizia..
Ma ci chiediamo: perché tirare in ballo la nostra istituzione in Uruguay? Quali "colpe" dovrebbero essere imputate all'Ambasciata? Se a placcarlo duramente e per lunghissimi minuti fosse stato un carabiniere italiano...beh il discorso sarebbe stato diverso. Ma i carabinieri a guardia delle ambasciate nel mondo sono pochi, e poi,per fortuna, non hanno mai sparato come purtroppo fanno altri corpi militari preposti a questa vigilanza..... Noi ci chiediamo ancora perché Luca Ventre, come é scritto anche sul sito dell'ambasciata non ha telefonato??? allo 00598 99647551  Perché non ha citofonato chiedendo aiuto? ( nella foto il pulsante bene in mostra ai cancelli dell'ambasciata). 
Il citofono
Ripetiamo la nostra vicinanza alla famiglia di Luca ma ora non resta che aspettare gli ulteriori sviluppi delle indagini. Se Luca é morto per il placcaggio l'unico a pagarne dovrá essere colui il quale é intervenuto duramente.... In molti si interrogano e chiedono spiegazioni sulm perché l'ambasciata  non ha reso pubblico, e immediato lo scavalcamento e il successivo decesso. . Beh, sbandierare ai quattro venti che si puó facilmente scavalcare e entrare in una ambasciata non é certo "prudente"... quanti per spirito di emulazione sarebbero invitati a provarci????  
Che poi il ministro Di Maio o qualche sottosegretario molto presente sui fatti uruguaiani  non siano intervenuti subito....questa é un'altra storia... Certamente da condannare......  Resta purtroppo il fatto che un giovane italiano é morto in circostanze ancora tutte da chiarire... Le magistrature: saranno loro a parlare. Speriamo in breve tempo....

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome